CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

01.12.2017

Biogas, due avvisi di garanzia

Il municipio di Chiari: c’è un’inchiesta sulla centrale a biogas
Il municipio di Chiari: c’è un’inchiesta sulla centrale a biogas

Massimiliano Magli Avvisi di garanzia a Chiari per la realizzazione dell’im- pianto a biogas di via Palazzolo. Per l’infrastruttura, realizzata nel 2014, la magistratura ha disposto informazioni di garanzia rivolte sia ai privati che hanno realizzato l’opera sia al Comune, destinatari due dirigenti dell’ ufficio tecnico. Aldo Maifreni, dirigente del settore urbanistica, e Pasquale Marino sono stati destinatari di due informazioni di indagine avviate dalla Procura della Repubblica di Brescia in merito alla realizzazione dell’impianto di biogas da circa un megawatt che risale a quasi quattro anni fa. L’ACCUSA è di omissione di vigilanza in merito all’attivazione dell’impianto, per i quali i privati avevano ottenuto la concessione di incentivi per diverse centinaia di migliaia di euro da parte del Gestore dei Servizi Energetici. Entro fine 2014 l’impianto avrebbe dovuto essere attivo così da poter ottenere gli incentivi di Stato, ma nonostante fosse stato dichiarato funzionante, tale impianto entrò effettimanete in funzione poche settimane dopo, sforando i termini di legge per ricevere gli incentivi. Questa l’accusa della magistratura. IN REALTÀ, il progetto è stato realizzato su licenza provinciale e il Comune aveva una mera funzione di controllo: tuttavia la magistratura ha inteso estendere anche ai tecnici locali il tutto, avendo comunque seguito da vicino l’iter provinciale. Maifreni si è detto «più che sereno dell’azione giudiziaria»: «Rispetto la magistratura - ha dichiarato - e farò di tutto per favorire il corso di questa indagine, che consentirà di fare chiarezza e rimuovere ogni ombra. Io ho una funzione di manager in Comune e trovo ogni anno 24 mila protocolli: ci sono diversi professionisti deputati a verificarli. Il mio controllo è di un passo superiore e non posso certo controllare alla lettera ogni disposizione». Dall’ufficio tecnico arriva la precisazione che «L’azione non è per abuso di potere, corruzione o altro», ma appunto di omesso controllo. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1