CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

01.02.2018

Compra la verdura
con banconote false
Inseguito e arrestato

Banconote da 50: occhio ai falsi
Banconote da 50: occhio ai falsi

Sono bastati pochi secondi al venditore ambulante per accorgersi che le verdure gli erano state pagate con una banconota falsa: 50 euro per un acquisto da 5, con un resto di 45 euro. Dopo un istante, intascato il resto, il «cliente» si era già volatilizzato. Scattato l’inseguimento e allertati i carabinieri, alla fine il «furbetto» è stato raggiunto e trovato con in tasca altre due banconote dello stesso della stessa «fabbrica». IL FATTO è accaduto martedì mattina al mercato di Chiari, dove i carabinieri della locale stazione hanno arrestato un operaio 45enne originario di Salò per resistenza e «spendita di banconote false». Alle 11 aveva acquistato 5 euro di verdura, consegnando al venditore una banconota falsa da euro 50 e ricevendone il resto, per poi fuggire a piedi per le vie del centro. La vittima del raggiro, accortasi subito dopo della frode, si è lanciata all’inseguimento a piedi del malvivente, allertando nel contempo la Centrale operativa del 112 e la Polizia locale. Dopo una breve corsa terminata in un vicolo cieco, il 45enne è stato raggiunto e bloccato. La perquisizione personale ha permesso di rinvenire altre due banconote false da euro 50, mentre la successiva perquisizione domiciliare ha dato esito negativo. I militari immediatamente hanno iniziato le indagini volte per identificare eventuali complici e così, tramite accertamenti, hanno individuato un bresciano 37enne, operaio, già pregiudicato per reati specifici, rintracciato poco dopo alla stazione di Chiari e denunciato. L’arresto del 45enne è stato intanto convalidato. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1