CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.12.2017

Fisco, l’inversione di tendenza tocca anche l’addizionale Irpef

Si annuncia un 2018 fiscalmente più leggero per i contribuenti di Chiari; anche se di poco. La ragione sta nella scelta dell’amministrazione comunale di ritoccare al ribasso l’aliquota di addizionale Irpef, che fino a oggi era stata riscossa utilizzando il valore più elevato, vale a dire l’8 per mille. Tecnicamente parlando la mossa fiscale della giunta porterà alla riduzione di 0,3 punti gli applicativi, con un’aliquota complessiva fissa che si fermerà al 7,7 per mille. Non grandi cifre, insomma. L’aliquota era aumentata progressivamente fino a raggiungere il massimo nel 2014. Da dove arriva questo taglio? «La gestione oculata del bilancio comunale inizia a dare buoni frutti - spiega il vicesindaco Maurizio Libretti -, e con la contrazione della addizionale Irpef l’amministrazione peserà meno sui cittadini per circa 60-70 mila euro complessivi ogni anno. È una svolta. Le tasse locali sono aumentate progressivamente fino all’anno 2014 poi, con l’insediamento dell’attuale compagine di governo, ha iniziato a materializzarsi una inversione di tendenza - prosegue Libretti -: prima con la Tari (che ha portato a un risparmio complessivo per i cittadini e le imprese di circa 200 mila euro ogni anno) e ora con la riduzione della addizionale Irpef. Inoltre rimane ferma e salva la no tax area già in vigore per le fasce più deboli». LE REAZIONI politiche? Commentando la riduzione introdotta dalla maggioranza, il consigliere di minoranza Roberto Campodonico, esponente della Lega nord, ha parlato di una «scelta opportunistica e insignificante per le tasse comunali. Lo 0,3% di riduzione non significa nulla per le tasche dei cittadini e ho il sospetto che con questi miseri abbattimenti si vogliano apparecchiare la prossima campagna elettorale». La replica della compagine di governo arriva direttamente dal sindaco Massimo Vizzardi, che ne approfitta per stigmatizzare gli aumenti fiscali attuati dalla precedente amministrazione comunale di centrodestra: «Navigavano in periodi decisamente più ricchi - sottolinea - eppure hanno preferito arrivare alla massima aliquota possibile. Noi abbiamo invertito la rotta in periodi sensibilmente più poveri». M.MA.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1