Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 24 maggio 2018

Il nuovo Polo scolastico sta già prendendo forma Un gioiello da 7 milioni

Il sopralluogo sul grande cantiere del nuovo polo scolastico di Chiari (BATCH)

Sopralluogo suggestivo in settimana nel cantiere del nuovo polo scolastico di Chiari: oltre 7 milioni di euro di lavori che sono stati illustrati dall’architetto Aldo Maifreni, dirigente del Settore territorio del Comune con il vice sindaco Maurizio Libretti, l’assessore alla scuola Emanuele Arrighetti e Roberto Pocchia, responsabile della sicurezza di cantiere. PRENDONO FORMA sia il lotto 1 che il 2. Nel primo, sul lato ovest di viale Mellini, stanno sorgendo la nuova mensa e un’ala nuova che è continuazione dello spazio mensa esistente. Inoltre qui saranno ricavati uno spazio verde e una serra. Le finiture sono già in corso e il tutto è a un passo dalla conclusione. Il lotto numero 2, quello est, di via Lancini e comprende 22 locai tra aule e laboratori, 2 palestre regolamentari, un auditorium da 400 posti, il civic center (lo spazio di accoglienza), un patio di 800 metri quadrati, un parcheggio interrato, magazzini e la sala insegnanti. ANCHE QUI i lavori sono avanzati, ma non come sull’altra ala: «Stiamo procedendo - hanno spiegato Libretti e Arrighetti - al completamento di opere strutturali prefabbricate e di tamponamento: non siamo ancora alle finiture. Qui sono previsti anche 1100 metri quadri di spazio giochi per la palestra adatta a 2 campi di pallacanestro o 4 di pallavolo regolamentari. Sarà ovviamente realizzato il corpo tribune con gli spogliatoi al di sotto. Luce e calore saranno prodotti in autosufficienza, con un risparmio annuo di circa 130.000 euro rispetto alla bolletta energetica precedente». A questo si somma la vendita al gestore dell’energia sovraprodotta, già data per certa. Il polo scolastico prevede anche una pista ciclabile esterna. Alcune aree sono state tolte dall’edificato e dedicate a verde. Infine sicurezza e igiene: la nuova scuola è antisismica di primo livello, mentre i servizi igienici finalmente confluiranno in fognatura rispetto alle biologiche del passato. M.MA.