Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 15 dicembre 2018
Per il mercato è «boom» di adesioni | Chiari

Per il mercato è «boom» di adesioni

Gli stalli del mercato di Chiari, sempre più apprezzato dagli operatori

Cresce il «centro commerciale» all’aperto di Chiari. Il nuovo progetto mercatale della città conta infatti 1.200 metri quadrati in più sui quattro giorni di mercato della città (martedì, giovedì, venerdì e sabato) e il Comune ha appena approvato la riqualificazione dei mercati storici.

L’aumento della superficie è avvenuto tra il 2016 e il 2017. L’iniziativa, avviata quindici mesi fa, è stata presentata dall’assessore al commercio Domenico Codoni e conferma un successo che spiazza e che contrasta con i numerosi supermercati presenti sul territorio. Lo confermano le autorizzazioni appena consegnate con scadenza al 31 dicembre 2030: sono ben 80 i soggetti interessati nei quattro mercati, segno che la «piazza» e viva.

Nel riassegnare le licenze il Comune ha avuto anche un «guadagno» importante, per la verità, come spiegato da Codoni: «Si tratta di una perequazione, ossia di un calcolo reale e aggiornato della Tosap, la tassa di occupazione del suolo pubblico, che finora aveva parecchie approssimazioni». Le maggiori entrate sono pari a 10.700 euro annui, che moltiplicati per i prossimi 12 anni significheranno una somma notevole: 128.400 euro che il Comune potrà utilizzare per valorizzare gli spazi pubblici.

Il mercato è recentemente cresciuto anche grazie alla nuova collocazione verso est, prolungandosi verso piazza Rocca e quindi affacciandosi su viale Mazzini. M.MA.