Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 19 settembre 2018

Ritrovato il «bottino» di arte sacra

I carabinieri di Chiari hanno ritrovato in una cascina abbandonata due preziosi pannelli che facevano parte di un «coro ligneo» risalente al XVII secolo e composto da tredici tavole raffiguranti altrettanti santi domenicani. Le tavole ritrovate mostrano le effigi di San Tommaso D’Aquino e di San Alberto Magno. Le opere, aventi dimensioni 95 per 57centimetri, risultavano oggetto di furto. Un furto sacrilego, un grave oltraggio alla devozione religiosa oltre che al patrimonio artistico. I DUE PANNELLI del coro ligneo erano infatti stati trafugati da ignoti, insieme ad altri oggetti sacrirubati nello stesso «blitz», che era stato compiuto presumibilmente tra la fine del 2017 e l’inizio di quest’anno, dall’interno della chiesa parrocchiale di San Tommaso Apostolo a Bondeno di Gonzaga, nel Mantovano. Una chiesa in disuso perché gravemente danneggiata dal terremoto del maggio 2012 e per questo più vulnerabile. Dopo averle fatte riconoscere al parroco di Bondeno, le opere sono state dissequestrate e restituite al vescovo di Mantova, Gianmarco Busca.