Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
venerdì, 15 dicembre 2017

Di Perna, Castegnato
verso il giorno più triste

Giuseppe Di Perna, 38 anni (BATCH)

Terminata l’autopsia disposta dalla Procura per appurare le cause dell’emorragia che, a 45 giorni dal trapianto dei polmoni, ne ha causato la morte, la salma di Giuseppe Di Perna verrà trasportata questa mattina a Castegnato nella sua abitazione in via Magenta al civico 43c.

La veglia funebre è prevista alle 18, mentre i funerali si svolgeranno domani alle 15 partendo dall'abitazione verso la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, dove si svolgerà la cerimonia religiosa.

A Castegnato, Di Perna aveva preso le redini dell’Aido, l’associazione italiana donatori di organi, vivendo questo impegno con una dedizione speciale. Lui stesso del resto aveva ricevuto due trapianti. Ad agosto era stato sottoposto al trapianto di polmoni, intervento eseguito nell’ospedale di Strasburgo. Era per lui il secondo tentativo di tornare a un’esistenza normale: gli organi ricevuti in dono nel 2006 al San Matteo di Pavia, con il tempo avevano provocato una reazione di rigetto. Su indicazione degli specialisti italiani Di Perna, che aveva solo 38 anni, si era rivolto al centro specializzato di Strasburgo. Stavolta sembrava fosse andato tutto bene. Poi all’improvviso la tragedia.