CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.06.2018

Frode da 20 milioni
di euro. Nei guai un
impresario edile

La Guardia di Finanza ha denunciato l’imprenditore dopo le indagini svolte dalla Tenenza di Pisogne
La Guardia di Finanza ha denunciato l’imprenditore dopo le indagini svolte dalla Tenenza di Pisogne

Falsava, al rialzo, i costi delle sue tre società, in modo da abbatterne gli utili ed ottenere falsi crediti Iva. Così facendo, aveva trovato la scappatoia per omettere la dichiarazione allo stato di qualcosa come 20 milioni di euro. Il trucco, anche per la notevole consistenza degli importi, non è però passato inosservato: l’imprenditore è stato scoperto dagli uomini della Guardia di Finanza di Pisogne e ora avrà a che fare con la giustizia. LA DENUNCIA alla Procura della Repubblica è scattata per un 66enne di Iseo, titolare di diverse società con sede fittizia a Milano e che operavano, nel settore edile, nell’area del basso Sebino. L’attività dei finanzieri sul Sebino aveva preso spunto da una segnalazione «per operazioni sospette» risalente allo scorso anno, che riguardava anomale movimentazioni finanziarie con la Repubblica di San Marino. Sotto il coordinamento del luogotenente Bruno Gerbini, le Fiamme gialle di Pisogne hanno dunque avviato le indagini bancarie, assunto informazioni e raccolto contestuali riscontri contabili. Fino a raggiungere il risultato. Il lavoro di indagine ha permesso di smascherare tre società edili utilizzate per la frode fiscale. NELLO SPECIFICO, l’amministratore di fatto «gonfiava» i costi della società, in modo di abbatterne gli utili con lo scopo di ottenere falsi crediti Iva, circa 3 milioni di euro, da utilizzare per pagare fittiziamente, in compensazione, i contributi sociali e le ritenute Irpef dovute ai dipendenti. Le accuse mosse all’imprenditore iseano, sono quelle di dichiarazione infedele, illecite compensazioni ed occultamento di documentazione contabile. «La Guardia di Finanza, quale unico organo di polizia giudiziaria ed economico finanziaria con competenze specialistiche in campo tributario ­ scrive il colonnello Salvatore Russo, a margine del comunicato stampa divulgato in giornata per rendere noti gli esiti dell’operazione - agisce prioritariamente mediante attività info investigative basate sull’utilizzo combinato delle tecniche di analisi di operazioni aziendali, contabili e finanziarie e gli strumenti del codice di procedura penale, costituendo un unicum nello scenario nazionale ed internazionale». •

Alessandro Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1