CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.01.2018

Iseo europea nel segno del bel canto

Il progetto «Eulakes» continua a far nascere opportunità per Iseo
Il progetto «Eulakes» continua a far nascere opportunità per Iseo

Giuseppe Zani C’è un ampio repertorio di opere e operette europee legate a luoghi lacustri. Iseo ha pensato bene di affidare a un progetto, denominato Palco, il compito di approfondire ed evidenziare questo legame. «Palco» è l’acronimo di «Perfection atelier for lirica and canto d’opera». Proprio domani gli elaborati che lo riguardano saranno inoltrati a Bruxelles. Il capoluogo sebino, che dal 2011 è capofila del network europeo nEUlakes e ogni anno ospita un concorso internazionale di lirica, partecipa così al bando «Cultura e giovani in Europa», la cui copertura finanziaria è assicurata dal programma «Creative Europe». IL BUDGET necessario per realizzare Palco è stato stimato in 183.158 euro. Il contributo richiesto all’apposita commissione europea è di 110mila euro. Dovesse dire di sì Bruxelles, altri 55mila euro dovrebbero arrivare dalla Fondazione Cariplo. Il resto sarà fronteggiato con fondi propri dal Comune di Iseo. Partner in questa inedita iniziativa sono l’Istituto superiore di studi musicali Gaetano Donizetti di Bergamo, i laghi di Manzanares El Real, in Spagna, di Bohinj, in Slovenia, e di Aiguebelette, in Francia, e la cooperativa agricola sociale che gestisce la cascina Clarabella. L’aggancio con la cascina Clarabella, dove risiedono alcuni richiedenti asilo, si spiega con il fatto che il bando si propone, fra l’altro, di «incoraggiare l’integrazione dei rifugiati tramite attività pratiche all’interno di processi culturali di qualità». Scopo principale di Palco, tuttavia, è di aumentare le competenze e le possibilità di mobilità di giovani artisti europei, valorizzando «la cultura lacustre europea grazie all’opera» e condividendola con spettatori e internauti. Il Palco, che nelle intenzioni dovrebbe durare dal 1° giugno 2018 al 30 novembre 2019, si articolerà in varie fasi: selezione di 28 fra pianisti e cantanti, masterclass per migliorare le abilità di artisti e rifugiati sia in ambito musicale che scenico, esibizioni finali e concerti a Iseo, Bergamo, Manzanares El Real, Bohinj e Aiguebelette. Le audizioni iniziali e gli show conclusivi saranno diffusi in streaming, mentre le buone pratiche via via maturate saranno «disseminate» via web radio e tv e sui social. Giacomo Puccini, si ricorda nella presentazione del progetto, trasse spesso ispirazione dalla magica atmosfera del lago di Massaciuccoli, ma anche altri, come ad esempio Vincenzo Bellini, Carlo Coccia, Lauro Rossi, Gioachino Rossini, Antonin Dvorak, si giovarono del fascino dei paesaggi lacustri. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1