CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

21.08.2018

Mortadellata di Pilzone una grande abbuffata nel nome della solidarietà

La mortadella in tutte le sue  declinazioni  protagonista a Pilzone
La mortadella in tutte le sue declinazioni protagonista a Pilzone

Alessandro Romele Diciotto anni di altruismo e solidarietà…con gusto. Taglia il traguardo della maggiore età la «Mortadellata», tradizionale appuntamento sulle rive del lago d’Iseo, organizzata dall’associazione Amici della Mortadellata di Pilzone d’Iseo. Al campo sportivo della frazione a nord del capoluogo, dalle 10 del mattino di sabato, i tanti volontari del sodalizio serviranno – fino ad esaurimento scorte – mortadella a fette, alla piastra e in umido: una leccornia tutta da gustare, compiendo anche un gesto di solidarietà. «ANCHE QUEST’ANNO – spiega Daniela Fedriga, dello staff organizzativo – gran parte del ricavato della manifestazione verrà devoluto in favore della Scuola di mestieri per spastici e Miodistrofici Nikolajewka onlus di Brescia». Una mission doverosa considerato che l’associazione di Pilzone guidata dal presidente Francesco Vavassori, gode da sempre dell’appoggio e dell’aiuto concreto del Gruppo Alpini locale. Il nostro obiettivo è quello di coinvolgere più persone possibile. Lo scorso anno alle 17 del pomeriggio avevamo già finito tutta la mortadella…proprio per questo, per sabato abbiamo preparato oltre 350 chilogrammi di insaccato, proveniente dalla provincia bolognese». LA MANIFESTAZIONE è proposta anche grazie alla collaborazione del locale gruppo Alpini e della parrocchia, che ogni anno mette a disposizione il campo sportivo. «Cerchiamo di dare una mano un po’ a tutti, e di lavorare per favorire progetti solidali e utili alla comunità di Pilzone», aggiunge Daniela Fedriga. Non resta che assaggiare: non esiste un listino prezzi, ma l’offerta è libera. In serata infine, musica dal vivo con l’one man band Cristiano Saleri e la classica tombolata aperta a tutti. Per sedurre il gourmet l’associazione ha scelto, come detto, tre opzioni: servire la mortadella impiattata fresca e tagliata alla giusta altezza, oppure cucinarla alla piastra oppure in umido accompagnata con fagioli stufati. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1