Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Tra il Sebino e il Manzanares
un gemellaggio d’aqua dolce

Il sindaco Venchiarutti e il collega spagnolo con le due squadre (BATCH)

Oggi alle 19, allo stadio di Iseo, si gioca la partita di ritorno tra i 14enni-15enni dell’Orsa-Iseo e i loro coetanei dell’Asociacion deportiva Manzanares «El Real». All’andata vinsero per 7-0 gli spagnoli, ai quali anche adesso va il favore del pronostico.

Al di là dei goal segnati o subiti, entrambe le partite rientrano nel programma di interscambi che ha spinto Iseo e Manzanares El Real, 7000 abitanti, a 50 km da Madrid, a gemellarsi nel 2016.

«IL RAPPORTO tra le due comunità non si limita alle cerimonie ufficiali: in questi giorni i calciatori spagnoli sono ospiti nelle case dei loro amici-avversari iseani- racconta il sindaco di Iseo, Riccardo Venchiarutti-. Con la delegazione guidata dal sindaco Oscar Cerezal Orellana, poi, stiamo mettendo a punto progetti di collaborazione sia diretta che allargata ad altre realtà europee».

Non solo pallone, dunque, ma un progetto di ben più ampia prospettiva, nel segno della condivisione. Una delle proposte sul tappeto è quella di organizzare, nel 2018, a Iseo, un campeggio estivo cui partecipino anche 30 ragazzi di Manzanares .

INSIEME ai laghi di Bled, Ohrid, Carrick On Shannon e Candia Canavese, Iseo e Manzanares hanno già in comune il progetto «aktive», finanziato da Bruxelles con 350mila euro: prevede la creazione di iniziative culturali e pacchetti turistici destinati alla terza età.

In fase di elaborazione, invece, tre nuovi progetti. Il primo, con l’acronimo Palco («Perfezionamento atelier lirica e canto d’opera»), consiste in una master class di lirica alla quale ogni singolo partner potrà portare un suo specifico contributo.

Il progetto «Next European Seniors», invece, punta a colmare il gap esistente tra anziani e giovani nell’uso delle tecnologie.

Il progetto «Romantic Roots», infine, si ripromette di tracciare un itinerario, virtuale e concreto, che dai pitoti della Valcamonica ai monasteri di Ohrid valorizzi varie località romantiche.