Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 16 dicembre 2017

Franciacorta esclusa
dai licei della città
Protestano i sindaci

Per gli studenti scomode novità (BATCH)

La legge sulla «Buona scuola» e il successivo decreto dell’Ufficio scolastico regionale, che delimita 5 «ambiti obbligatori» per la provincia di Brescia, stanno cominciando a suscitare reazioni negative da parte delle famiglie e delle amministrazioni comunali. La nuova suddivisione impone infatti l’iscrizione negli istituti del proprio ambito, che non sempre è il più vicino e il più comodo.

È il caso di Castegnato, Ospitaletto e Travagliato, inclusi nell’ambito 9 Franciacorta-BresciaOvest, e non nell’ambito 6, quello di Brescia città, dove l’offerta scolastica è migliore e i trasporti decisamente meglio serviti.

I TRE SINDACI il 28 ottobre hanno scritto al dirigente dell’Ufficio scolastico di Brescia, Mario Maviglia, presentando alcune osservazioni e chiedendo un incontro. Facendo proprie le preoccupazioni di molte famiglie, i sindaci chiedono che non vengano inseriti, tra i criteri individuati dagli istituti duperiori della città per stilare una graduatoria di accettazione delle domande, l’appartenenza allo stesso ambito. Perchè questo vorrebbe dire, ad esempio, dover per forza mandare i ragazzi a Palazzolo anziché a Brescia.

«Se ciò non avvenisse - scrivono - si penalizzerebbero gli alunni e le famiglie delle nostre scuole, creando evidenti quotidiani disagi nella frequenza scolastica. Un’organizzazione della scolarità che impone agli alunni un determinato liceo, o una determinata scuola secondaria in funzione del luogo di residenza, non assicura più l’uguaglianza delle opportunità e non corrisponde alle aspettative delle famiglie, a cui spetta la libertà di scelta educativa».

La situazione, inoltre, potrebbe avere conseguenze anche sotto l’aspetto della dispersione scolastica, fanno notare i sindaci, «poiché la distanza chilometrica dagli istituti dell’Ambito Franciacorta e le difficoltà del trasporto indurrebbero più facilmente all’abbandono». G.O.