CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.07.2018

Auto sospetta, il quartiere la segnala

La Polizia locale di Palazzolo
La Polizia locale di Palazzolo

La diffusione delle associazioni di controllo del vicinato a Palazzolo sta favorendo segnalazioni circostanziate alle forze dell’ordine, riducendo la frequenza di post sui social e vantaggio della sicurezza. Lo può dimostrare l’operazione della Polizia locale che ieri mattina ha sequestrato un’auto, una Citroen C5 risultata tra l’altro non assicurata, che si era fatta notare la scorsa settimana per alcuni passaggi «anomali». Alcuni residenti della zona avevano segnalato alla Polizia locale le stranezza di questa vettura, che è apparsa più volte e che si fermava in via Sant’Alberto 16, sostando nel parcheggio a poca distanza dall’ex mulino Betti, trasformato da un’operazione immobiliare fallita in un aggregato di appartamenti rimasti vuoti e mai finiti. Perché queste ripetute soste davanti a un complesso disabitato? È stato per scoprirlo che i residenti hanno segnalato al comando che dall’auto, che arrivava tra le 7.30 e le 8,15), scendevano diversi extracomunitari che poi svanivano in pochi minuti. Dopo le segnalazioni, il comando ha disposto un monitoraggio discreto della zona e ieri mattina, quando la Citroen è nuovamente arrivata sul posto, la pattuglia è intervenuta per un controllo. L’accertamento ha da dato subito risultati positivi: l’auto infatti circolava senza assicurazione, con alla guida un 38enne italiano residente in provincia di Varese con patente sospesa per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e precedenti per possesso ingiustificato di arnesi da scasso. Seduto accanto a lui c’era un magrebino del 1983, regolarmente residente in provincia di Brescia con diversi precedenti tra cui rissa e spaccio, pur essendo in possesso di regolare permesso di soggiorno. I due sono stati rilasciati dopo l’accertamento, ma hanno dovuto rinunciare alla Citroen, sequestrata e portato in deposito. •

G.C.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1