CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.01.2018

Fiaccolata e concertone in nome del gemellaggio tra Shalom e Getsemani

Si attende un grande pubblico: l’anno scorso tremila partecipanti
Si attende un grande pubblico: l’anno scorso tremila partecipanti

Sabato la Comunità Shalom di via Raspina, a Palazzolo, chiude le festività aprendo i cancelli per la visita che precede la tradizionale fiaccolata di 3 chilometri fino al Palatenda di piazzale Kennedy. Una messa sarà celebrata da monsignor Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno, con padre Diego Dalla Gassa responsabile del Romitaggio del Getsemani a Gerusalemme, poi il rinfresco e il grande concerto «Pro Romitaggio». Il tema «Indistruttibile fragilità» sintetizza il percorso di ragazze e ragazzi della comunità Shalom, sottolineando l’importanza della riflessione sull’attuale epoca in cui «sentimenti, valori, onestà, e coerenza che si scompongono e si decompongono». LA GIORNATA inizierà alle 14,30 con l’accoglienza dei visitatori nella Comunità che ospita circa 400 persone, con un rinfresco in attesa della fiaccolata che lo scorso anno vide oltre tremila partecipanti. La fiaccolata partirà alle 16,30 aperta dai Frati Francescani con zampogne e cornamuse che accompagneranno canti e preghiere, fino al Palatenda, dove alle 18,30 inizia la celebrazione della messa. Al termine della funzione religiosa, e nell’attesa del concerto, ci sarà un buffet a offerta libera, il cui introito sarà interamente devoluto al Romitaggio dell’Orto degli ulivi di Gerusalemme, gemellato con la Comunità. IL CONCERTO che inizia alle 20,30, presentato da Mario Mazzoleni e Valentina Fumagalli porterà sul palco, tra gli altri Povia, vincitore di Sanremo 2006, le palazzolesi Luisa e Sara Corna, il gruppo Lift your voice gospel choir, gli asolani Artisti per caso, Roberto Bignoli, il corpo di ballo dell’Étoile diretto da Liliana Cosi, Shalom Band e Miriam Band che presenteranno i nuovi spettacoli preparati per la 15esima edizione. Lo spettacolo, che si concluderà alle 24 con musiche e canti con il pubblico, vedrà nella hall del palatenda una mostra di gadget, libri, icone, Cd musicali, oggetti di artigianato, Dvd dei precedenti concerti che saranno venduti, con regolare scontrino fiscale, per finanziare le attività del Romitaggio di Gestemani a Gerusalemme. G.C.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1