Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 ottobre 2017

Il cinema spicca il volo:
il recupero dell’Aurora
è una scommessa vinta

Il cinema teatro Aurora di Palazzolo: il recupero ha «funzionato» (BATCH)

Prende il via domani alle 21, con la proiezione di «Cattivissimo me 3», la terza stagione del cinema teatro Aurora, l’unico in attività a Palazzolo, recuperato riqualificando la sala dismessa dell’oratorio San Sebastiano, con l’impegno della parrocchia di Santa Maria Assunta e il contributo a fondo perduto di un bando Cariplo, che si è esaurito alla fine del 2016.

La sala, da 168 posti a sedere tra platea e galleria, nei primi due anni di attività ha messo in scena con pellicole di vario genere in prima visione, musica, teatro in dialetto, spettacoli teatrali sulla grande guerra e Francesco, musical che ha riscosso un discreto successo.

Con l’esaurimento dei contributo Cariplo, destinato alle dotazioni tecnologiche (nuovi proiettori multimediali e impianto audio Hi fi), all’adeguamento della sala alla normativa, e all’avvio dell’attività, la governance affronterà la prova di una gestione indipendente che dovrà coprire le spese con le entrate degli incassi.

IL CARTELLONE di questi 20 mesi ha dimostrato la validità del progetto che rimedia al vuoto creato dalla chiusura delle sale cinematografiche del centro e del cine Life, demolito oltre dieci anni fa per realizzare il centro commerciale del Sacro Cuore. Gestito da un gruppo guidato da don Mauro Rocco, nominato dal parroco di Santa Maria Assunta, l’Aurora ha proposto cineforum e dibattiti, anche se il pubblico ha dimostrato di preferire film leggeri, capaci di offrire un paio d’ore di allegria e serenità. Il cartellone si apre con il film d’animazione. «Poi da ottobre - spiega Nicola Arzuffi che programma il cartellone - partiremo con i film di qualità e una stagione teatrale che confermi i risultati»

Il sindaco, Gabriele Zanni, commentando l’avvio della stagione ha dichiarato: «Seppure non comunale la sala è un luogo che s’integra benissimo nel panorama di spazi pubblici per la cultura e lo svago, come la Casa della Musica e il teatro Sociale, che in questi anni hanno proposto un’offerta in termini di spettacoli e iniziative molto qualificata, che ha trovando grande apprezzamento nei palazzolesi e non solo e sta dando nuovo slancio e vitalità alla nostra città». G.C.C.