Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 19 novembre 2018

L’addio a Gamba: «Un grande uomo»

Il funerale di Marino Gamba, ex sindaco di Palazzolo e sindacalista

Le esequie di Marino Gamba, scomparso a 78 anni, sindacalista nella Fim e sindaco di Palazzolo dal 1995 al 1998, hanno richiamato nella parrocchiale alcune centinaia di parenti e amici e cittadini che non hanno scordato il suo impegno per la città, in chiave sindacale e politica. Don Alfredo Scaratti, parroco del Duomo di Brescia, amico di famiglia, ne ha ricordato la coerenza di cattolico credente (Gamba scrisse libri sul culto della Madonna) con l’impegno politico che lo portò a dedicarsi agli altri, prima da sindacalista poi da sindaco, senza tradire gli ideali che avevano guidato la sua vita, attuando la massima di Paolo VI «la politica è il più grande servizio alla comunità». Nato nel 1940, al lavoro nella Marzoli sin dai 14 anni, si trasferì a Milano per lavorare alla Innocenti e riuscì a laurearsi studiando di sera: un uomo notevole, che don Scaratti ha invitato a prendere come modello. In Santa Maria Assunta, con il gonfalone del Comune, la celebrazione è stata seguita con commozione. Nei banchi col sindaco Gabriele Zanni e la giunta, c’erano gli altri ex primi cittadini, Francesco Ghidotti e Mario Bertoli. Marco Bentivogli, segretario generale Fim Cisl, ha ricordato: «Iniziò alla Innocenti nella Fim, tornò a Brescia diventando segretario generale e poi regionale, prima di diventare sindaco di Palazzolo: nel suo impegno civile ha sempre messo la competenza e una grande cultura». •