Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
venerdì, 15 dicembre 2017

La Lega Nord presenta
la «campagna d’autunno»

Stefano Raccagni, Lega Nord (BATCH)

A quasi tre mesi dal voto che ha confermato sindaco Gabriele Zanni, il gruppo consigliare della Lega di Palazzolo ha presentato martedì sera la linea che terrà in consiglio.

Dopo l’introduzione di Paolo Neè, da lunedì nuovo segretario, è intervenuto Stefano Raccagni, polemizzando con la scelta del presidente Matteo Gatto, di convocare il Consiglio comunale sabato 23 settembre alle 14: «In Consiglio ci impegneremo, come promesso, tanto nel controllo presentando interrogazioni e interpellanze sull’attività amministrativa, quanto nella proposta presentando mozioni in linea con le idee del programma».

Nella prossima seduta la Lega, maggior forza di opposizione con quattro consiglieri, partirà chiedendo che sia resa nota la relazione semestrale sull’attività della Polizia locale, chiedendo dettagli su introiti e loro ripartizione tra i due Comuni associati di Palazzolo e di Erbusco.

Pronte tre mozioni. Una con la richiesta al Consiglio di aderire al referendum consultivo provinciale sulla gestione del servizio idrico integrato. Un’altra sul tema caldo del rapporto Prefettura e Comuni nella gestione degli immigrati: «La mozione” ha spiegato il capogruppo - chiede che prima di stipulare contratti con enti o privati, il Prefetto ne informi il sindaco e non collochi persone senza che nessuno lo sappia».

Sull’ultima mozione, «Linee guida su servizi e prestazioni di welfare», Raccagni spiega: «Il Comune dovrebbe chiedere agli stranieri che accedono ai servizi una certificazione che attesti di non avere proprietà e patrimoni nei loro Paesi». G.C.C.