CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.10.2017

La sicurezza «arruola» la cittadinanza

Il comandante Claudio Modina
Il comandante Claudio Modina

Venerdì sera alle 21, nella sala civica del municipio di Palazzolo, l’Amministrazione comunale presenterà ai cittadini il progetto «Controllo del vicinato». Il sindaco Gabriele Zanni, con Claudio Modina, comandante della Polizia locale, ha anticipato ieri che il progetto, attivo in diversi comuni italiani, è nel programma per favorire la partecipazione consapevole alla gestione delle sicurezza e lo sviluppo di rapporti tra i residenti dei quartieri.

«Non sono ronde né sentinelle - ha precisato Zanni - Cdv è una iniziativa per la sicurezza, per promuovere i rapporti tra i vicini e costruire un rapporto con le forze dell’ordine, senza invaderne il campo, prendendosi reciprocamente cura di chi risiede in un quartiere, una forma cittadinanza attiva che promuova consapevolezza e responsabilità».

Paola Dall’Asta, referente dell’associazione «Controllo di vicinato» ha sottolineato l’intento di coesione tra vicini, favorendo l’incontro e lo scambio di informazioni tra persone che conoscono il territorio: «Il nostro gruppo a Brescia ha effettuato diverse segnalazioni alla Polizia locale, contribuendo a rendere più sicuro il territorio. In questi primi anni il gruppo è cresciuto, ha organizzato corsi di autodifesa, fornito materiali informativi e proposto momenti di ritrovo, migliorando il clima sociale, oltre a collaborare con le forze dell’ordine, che ricevono le segnalazioni e possono intervenire al meglio». Proprio Paolo Dall’Asta venerdì spiegherà come formare il gruppo e come operare. Ha riferito che nell’ultimo anno il progetto è stato adottato a Erbusco, Chiari, Castel Mella e Padenghe, presto anche a Orzinuovi, Montichiari e Bagnolo.

Modina ha sottolineato la validità del progetto «perché favorisce il contatto con le forze dell’ordine e la prevenzione con un vigilanza senza rischi per i cittadini» G.C.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1