CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.10.2017

Palazzolo, il terzo furto
è fatale al ladro seriale

Il comando di Polizia locale a Palazzolo, dove è stato condotto il ladro
Il comando di Polizia locale a Palazzolo, dove è stato condotto il ladro

Dopo aver rubato, senza essere scoperto, decine di dischi da taglio per flessibile al «Brico Ok» di Rovato e Capriolo, venerdì ha tentato un terzo colpo nel punto vendita della stessa catena di negozi a Palazzolo. Ma stavolta al ladro è andata male: è finito in manette, smentendo il detto «non c’è due senza tre». In flagranza di reato, un 60enne romeno senza fissa dimora è stato arrestato dagli agenti della Polizia locale di Palazzolo, intervenuti dopo la segnalazione degli addetti al magazzino del «fai da te».

GLI AGENTI, collegati alla centrale con gli smartphone di servizio hanno raggiunto in pochi minuti il magazzino, nell’area industriale, procedendo all’arresto del 60enne, dopo averlo identificato.

Insieme ai carabinieri di Palazzolo, gli agenti della Locale hanno perquisito anche la sua vettura, con targa rumena; nel baule hanno scoperto con un pinza e alcuni cacciaviti appena rubati, all’interno con i 27 dischi, cacciaviti e pinza appena rubati, altri 25 dischi per flessibile dello stesso genere, che sono risultati rubati a Rovato e Capriolo.

Le soprese però non erano finite: nell’auto gli agenti hanno trovato infatti una quantità di barrette di cioccolato e 13 chili di formaggi, le cui etichette e codici a barre hanno permesso di accertare che erano stati rubati, all’Eurospin di Ospitaletto.

AL COMANDO, dove è stato portato con l’auto e la merce rubata, sono risultate a suo carico, nel periodo tra il 21 marzo e il 13 ottobre, diverse denunce per furti presentate da esercizi commerciali.

Inventariato il bottino, la Polizia locale lo ha restituito ai legittimi proprietari. Il 60enne ha trascorso l’intera giornata sorvegliato nel comando di Palazzolo, da dove è stato accompagnato sabato al tribunale di Brescia.

Nella direttissima, il giudice ha convalidato l’arresto e fissato il processo il 7 novembre. Nell’attesa al 60 enne, rimesso in libertà, è stato vietato il soggiorno nell’intera provincia di Brescia. G.C.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1