CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.09.2017

«Passa la pasta»:
la mensa scolastica
sfamerà le famiglie

Pasta: riparte la distribuzione
Pasta: riparte la distribuzione

A Palazzolo riparte «Passa la pasta», progetto che recupera delle mense scolastiche il cibo integro e inutilizzato, che finirebbe in discarica come rifiuto, per sfamare famiglie che la crisi ha messo in difficoltà. Un numero: si tratta di distribuire circa 5.000 pasti in un anno.

Il progetto, al quarto anno, partirà il 25 settembre, quando tutte le scuole dell’obbligo inizieranno il servizio mensa. L’Amministrazione comunale, il 29 agosto ha deliberato il via all’iniziativa che recupera cibo «non scodellato» delle mense delle scuole statali palazzolesi per distribuirlo, con la massima discrezione ma con le stesse garanzie di qualità e genuinità, a famiglie e persone segnalate dai Servizi sociali.

Nei precedenti anni «Passa la pasta» valorizzando la collaborazione tra Comune, scuole pubbliche e associazioni di volontariato, ha dato vita ad una rete coordinata dal comune.

«È un progetto importante - ha spiegato il vicesindaco Gianmarco Cossandi - in cui abbiamo creduto fin dall’inizio, per la possibilità di rispondere a bisogni primari di persone o famiglie».

Fondamentale la collaborazione con Euroristorazione che predispone il cibo negli appositi contenitori termici e lo trasporta nella sede di distribuzione messa a disposizione dal Movimento Cooperativo. Giorno per giorno Cor Unum Onlus coordina la distribuzione, dei volontari di San Vincenzo, Caritas, Sezione femminile Cri, associazioni Il Club e «Anche io nel terzo millennio» che consegnano i pasti, G.C.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1