CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.03.2017

Prestiti a gonfie vele
per la biblioteca
fresca di trasloco

La nuova sede della biblioteca
La nuova sede della biblioteca

Gli abitanti di Sale Marasino leggono di più. Ad un anno di distanza dall’apertura della nuova biblioteca, intitolata a Costanzo Ferrari, l’amministrazione comunale e la Commissione cultura hanno voluto fare il punto della situazione sull’attività svolta. I numeri sono incoraggianti, eccome: «I prestiti ammontano a poco meno di tredicimila volumi - dice Elisa Caldinelli, presidente della Commissione che gestisce il servizio - e rispetto all’anno precedente, quando la biblioteca era alloggiata nei locali di Via Mazzini, sono aumentati di circa trecento unità. Nel frattempo però, abbiamo notato una diminuzione degli utenti, e sarà nostro compito, con una serie di iniziative, coinvolgere sempre di più gli utenti. Un risultato importante è che, se si considera che la media dei prestiti nelle biblioteche italiane è pari a 1,2 libri per abitante, a Sale Marasino il rapporto è uno a tre. I salesi quindi, leggono di più».

«È riduttivo però parlare di semplice biblioteca - spiega il sindaco Marisa Zanotti - poiché qui si trovano un’aula studio per i ragazzi delle superiori e dell’università; una ludoteca per i più piccoli, una stanza per le scuole primarie, oltre che un atrio molto ampio in cui vengono proposte serate a tema, incontri con l’autore e iniziative di qualità». I dati relativi all’anno di apertura sono stati illustrati nel corso di una serata che ha visto protagonisti famiglie e studenti: l’invito rivolto a tutti è stato quello di portare all’attenzione degli addetti ai lavori progetti e proposte per migliorare il servizio ed ampliare l’offerta, in modo da far vivere sempre di più i locali dello stabile che dalla località Bredina - a fianco della Comunità Montana - si affacciano sul Sebino. AL.ROM.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1