CHIUDI
CHIUDI

02.11.2018

Il manzo all’olio seduce Roma

La Confraternita del manzo all’olio di Rovato: via libera alla DeCo
La Confraternita del manzo all’olio di Rovato: via libera alla DeCo

Una Confraternita per promuovere il manzo all’olio, lo storico, tipico piatto rovatese che a un anno e mezzo dall’approvazione del disciplinare di produzione da parte del Consiglio comunale ha ricevuto dal Ministero dell’industria il riconoscimento ufficiale del marchio di denominazione comunale (DeCo). La Confraternita è nata dall’iniziativa di 17 soci fondatori ed è presieduta dal «Gran Maestro Presidente» Alberto Bittu, presidente dell’associazione ristoratori rovatesi e gestore della «Trattoria del Gallo». Alla presentazione ufficiale in municipio a Rovato anche tanti cittadini, allevatori, macellai, ristoratori, esperti dell’agroalimentare e una rappresentanza dei fratelli della Confederazione italiana dei circoli enogastronomici, forte di circa 120 realtà associate distribuite tra le varie regioni italiane. A benedire l’iniziativa anche il sindaco rovatese Tiziano Belotti e l’assessore regionale all’Agricoltura e all’alimentazione Fabio Rolfi. «È solo valorizzando filiere e produzioni di qualità e con grande valore aggiunto come quella del manzo all’olio che l’Italia può battere qualsiasi competitor grazie alla distintività e alla biodiversità dei nostri prodotti associate a cultura, arte, storia e paesaggi senza eguali. Per questo insieme al sindaco Belotti - ha spiegato Rolfi - stiamo studiando come valorizzare ulteriormente la fiera rovatese Lombardia Carne». Intanto il 18 novembre al convento dell’Annunciata sede della Fondazione Vittorio e Mariella Moretti la Confraternita ha già organizzato il pranzo (costo 35 euro) di presentazione del progetto. Le adesioni vengono raccolte scrivendo una mail a confraternitadelmanzoallolio@gmail.com oppure contattando il presidente Bittu al 333-5698053. •

P.TED.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1