CHIUDI
CHIUDI

08.01.2019

Lotteria Italia, l’unica gioia è a Duomo di Rovato

Il cartello per celebrare la vincita
Il cartello per celebrare la vincita

Cinquantamila euro alla Lotteria Italia: non sono milioni, è solo un premio di consolazione, ma è pur sempre la maggior vincita di quest’anno nel Bresciano quella realizzata nella frazione Duomo di Rovato, premiano un tagliando venduto nel bar di piazza Racheli di fronte alla chiesa. AL BAR GEPPETTO, storico locale del centro della frazione, la vincita di un per ora ignoto cliente è stata festeggiata con qualche brindisi e un sobrio manifesto: «La fortuna ha baciato qui: vinti qui 50.000 euro», ma niente di più. Giuseppe Manenti, padre di Cinzia, la titolare dell’esercizio, commenta: «È la prima volta, in quattordici anni di attività, che un nostro tagliando vince una cifra abbastanza importante, va bene così. Sicuramente il vincitore non lo dirà, anche se considerata la cifra, al posto, suo non avrei problemi. Festeggiamenti? Qualche brindisi, ma niente di che, con la consueta clientela per la partita a carte». Tra gli avventori che commentano la notizia, l’unico orgoglio è il fatto che sia stata la maggiore della provincia, con l’aggiunta; «Era la prima volta, ma la fortuna poteva essere anche un po’ più larga di manica». Tra i clienti, i pochi commenti si limitano ad osservare che probabilmente il biglietto ha premiato un residente, considerando che il locale è frequentato in particolare da chi abita nella frazione, che in ogni caso ben difficilmente si farà conoscere. Il signor Giuseppe, facendo notare, che nessuno ha offerto una bottiglia per il brindisi, conclude: «Siamo contenti per il vincitore anche perché la sua vittoria farà conoscere il nostro bar». A Rovato capoluogo, dove in passato si sono registrate vincite molto consistenti con il Gratta e Vinci, la notizia è passata quasi inosservata: «Qui abbiamo vinto di più - commenta un esercente - e speriamo che adesso la fortuna torni qui». Altre fortune bresciane? Poco altro: due biglietti vincenti da 25 mila euro ciascuno sono stati venduti a Brescia e Desenzano. Per quest’anno va così. •

Giancarlo Chiari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1