Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 20 settembre 2018

Sei milioni per le fogne: l’assegno accelera i lavori

Il palazzo municipale di Rovato (BATCH)

È all’incasso l’assegno da 6 milioni staccato dalla Regione su indicazione dell’Ufficio d’ambito di Brescia per il completamento della rete fognaria di Rovato. Il finanziamento consente così al gestore di accelerare il piano dei lavori che permetterà una completa dotazione di rete fognaria a Rovato capoluogo e da Bargnana a Duomo, da Lodetto a San Carlo, passando per San Giorgio, San Giuseppe, Sant'Andrea e Sant'Anna. Mentre sta infatti volgendo al termine il cantiere relativo al primo lotto degli interventi, che ha coinvolto la zona di Capo Rovato, saranno anticipati la seconda tranche che riguarda il capoluogo e i successivi stralci i cui lavori erano previsti inizialmente a partire dal 2019. La percentuale di agglomerato urbano coperto dal servizio di fognatura e depurazione supererà così il 95% del territorio di Rovato, contro il 60% del 2008. ENTRO BREVE apriranno i cantieri per la posa della fognatura della frazione Duomo, dove saranno rifatte le tubature dell’acquedotto. Si sta poi procedendo alla progettazione definitiva per la realizzazione di una schema di collettamento comprensoriale che riguarderà tutte le frazioni che saranno collegate al depuratore sovracomunale «Bassa Franciacorta», un moderno impianto inaugurato nel 2013 nella frazione Duomo. I lavori inizieranno entro il primo semestre 2019, per concludersi entro la fine del 2020.