CHIUDI
CHIUDI

21.11.2018

Un fiorino per il ponte sul fossato del castello

Abbattere muri, costruire ponti. L’esortazione del sindaco-santo di Firenze Giorgio La Pira trova terreno fertile a Rovato. Il maltempo nei giorni scorsi, da par suo, ha provveduto a sgretolare un tratto di mura venete, gonfiate dall’acqua e scivolate sulla piazza sottostante come un soufflè mal riuscito. Al ponte invece ha pensato l’amministrazione comunale, da costruire sul fossato che secoli fa proteggeva gli abitanti dai pericoli grazie ad un ponte levatoio. Questo invece sarà fisso, costerà all’incirca mezzo milione di euro, non è dato sapere da che cosa però dovrà difendere il fiero popolo rovatese che già assapora suggestivi revival in costumi d’epoca. Potrebbe anche trattarsi però di un ingegnoso espediente per rimpinguare le risorse del libero Comune di Rovato. Manca solo l’esattore che alla sbarra scandirà: «Chi siete? Da dove venite? Cosa portate? Dove andate? Un fiorino!»

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1