CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.05.2017

Violenta rissa a Rovato:
un immigrato in ospedale

I carabinieri indagano sulla rissa
I carabinieri indagano sulla rissa

Una lite misteriosa ha animato il sabato notte della periferia di Rovato: una bottigliata in testa ha chiuso uno scontro tra due stranieri, con conseguente ricovero del ferito in ospedale mentre l’altro si è dato precipitosamente alla fuga.

I CARABINIERI di Rovato proseguiranno oggi le indagini per dare un nome al magrebino che, l’altra notte, ha colpito in testa un 44enne immigrato, originario della ex Jugoslavia, al termine di una lite scoppiata in un bar di via XXV aprile. Il gestore del locale, che ha prontamente chiamato il 112, non ha saputo spiegare molto alla pattuglia dei militari arrivata tempestivamente sul posto, salvo l’indicazione generica dell’aggressore entrato nel bar dove si trovava il 44enne. I carabinieri hanno rilevato le generalità dello slavo, poi trasferito in ambulanza al nosocomio di Chiari: qui è stato curato e dimesso con tre giorni di prognosi.

Il barista, impegnato nel suo lavoro, non ha potuto fornire indicazioni utili per rintracciare l’aggressore: il magrebino, che ha lasciato il locale subito dopo la lite si è dileguato facendo perdere le sue tracce. I militari hanno provato a ispezionare la zona, dove si trovano numerosi capannoni e aziende ma, fino a ieri, del fuggitivo non hanno trovato alcun riscontro. I carabinieri dovrebbero ascoltare il ferito e prendere visione delle registrazioni del sistema di video sorveglianza dell’area: il bar si trova a fianco al distributore della ERG a poca distanza dallo store Girandola. Le immagini registrate potrebbero fornire un valido aiuto per risalire all’aggressore.G.C.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1