Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 16 novembre 2018

Una Magnalonga al top tra bellezze e specialità

Oltre millecento gastronauti alla Magnalonga di Monticelli Brusati

Bagno di folla a Monticelli per la Magnalonga che ieri ha celebrato il record assoluto di partecipanti: complice la giornata di sole in 1.115 gourmet-maratoneti si sono lasciati stregare dall’itinerario enogastronomico tra i suggestivi paesaggi della Franciacorta. IN UN PIAZZALE del palazzetto dello sport in località Villa gremitissimo, suddivisi in gruppi, i gastronauti sono scattati per affrontare un viaggio tra i sapori e le bellezze di Monticelli. La Magnalonga del resto non è soltanto un’occasione per degustare e apprezzare i prodotti locali, ma anche un momento per approfondire la conoscenza del territorio collinare. CONFERMATA la formula di successo delle otto edizioni precedenti: i dodici chilometri di percorso sono stati scanditi da sei tappe. Ad ogni sosta è stato servito un piatto tipico, accompagnato dal vino di alcune delle migliori cantine della Franciacorta. La corroborante colazione è stata servia a San Zenone mentre la Baroncina è stata teatro dello snack di mezza mattina. Al centro giovanile è stato apparecchiato un buffet a base di ravioli cucinati secondo la ricetta tipica della Franciacorta. La passeggiata è continuata fino a raggiungere la tenuta La Montina per assaporare il secondo di carne, mentre nei pressi della Madonna della Rosa è stato servito il formaggio e le uova. Infine san Zenone il dolce e il caffè. L’esodo biblico dei gourmet ha richiesto anche quest’anno un imponente sforzo organizzativo curato dalla Promonticelli che ha potuto avvalersi della rete di associazioni e di oltre centoventi volontari.