Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 20 settembre 2018

Una via di Colombaro in ricordo di don Vezzoli

Corte Franca non dimentica chi per 40 anni ha fatto del bene per la comunità. E così il Comune, insieme al sodalizio Promocortefranca, ha deciso di ricordare lo storico curato don Faustino Vezzoli, «el cùradì don Faustì», con l’intitolazione di una via: da sabato, quel tratto di strada che conduce al camposanto di Colombaro, porta il suo nome. Un gesto di attenzione alla memoria storica, a 28 anni dalla morte dello stimato sacerdote. Don Faustino Vezzoli, curato a Colombaro per 44 anni dal 1946 al 1990, fu promotore della costruzione del «Villaggio» di via Verdi, nel quale molti operai che lavoravano alle fornaci poterono costruirsi una casa, ma anche della costruzione del fabbricato Acli, inaugurato nel 1957e ora divenuto oratorio. Faustino Giovita Vezzoli era nato il 21 febbraio 1919 a Torbiato e nel 1945 venne ordinato sacerdote. Nel 1946 giunse nella parrocchia di Colombaro, come curato, e qui rimase per 44 anni, fino alla morte nel 1990. •