Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 ottobre 2017

Vino e formaggi, è l’«impero» dei sensi

Trionfo di formaggi: a «Franciacorta in bianco» 200 varietà in mostra (BATCH)

Uno sguardo puntato sulle tradizioni, l’altro rivolto alle novità del settore. Sarà un viaggio sospeso tra passato e futuro quello proposto per il ventiduesimo compleanno di «Franciacorta in Bianco», la rassegna dedicata ai formaggi e alla filiera lattiero-casearia, in programma a Castegnato da venerdì a domenica. La «vetrina» ha ampliato la platea degli espositori - 60 tra consorzi, caseifici e rivenditori - che porteranno all’attenzione del pubblico oltre 200 tipologie di formaggi. Saranno presenti 20 regioni italiane (tra cui 4 stand dalle zone terremotate di San Severino Marche) e due «stranieri» da Francia e Spagna, in una rassegna che quest’anno si colora di bianco e di... rosso, rafforzando la sua liaison con il vino proveniente da tutto il territorio nazionale, protagonista in abbinamento ai formaggi.

«Un’eccellenza dell’intera provincia - l’ha definita il vicepresidente del Broletto Andrea Ratti durante la presentazione di ieri -: Franciacorta in bianco si distingue proprio perchè è una rassegna di settore, e latte e formaggio sono due prodotti fondamentali dell’economia bresciana».

«CASTEGNATO - ha sottolineato il sindaco Gianluca Cominassi - risente molto della vicinanza con la città, nel bene e nel male, ed il territorio trasformato da nuove infrastrutture, soprattutto viabilistiche, lo sta a testimoniare. Ma l’origine del paese è di natura rurale, e ancora oggi esistono una ventina di produttori locali di latte. Franciacorta in bianco è un modo per salvaguardare la nostra storia e al contempo abbracciare altre realtà, dal momento che è diventata una manifestazione di respiro nazionale. Non è facile reggere per 22 anni e riuscire ad offrire sempre qualcosa di interessante e stimolante».

GLI INGREDIENTI giusti ci sono tutti. Per tre giorni sotto i riflettori finirà ogni anello della filiera lattiero-casearia, con un ampio calendario di degustazioni organizzate da Onav e di showcooking che mostreranno la versatilità del formaggio in cucina, incontri, laboratori e convegni. «Verranno riproposti alcuni eventi di successo, come Bimbi Chef, con un laboratorio culinario per bambini sempre aperto, ma il programma è anche ricco di novità - ha sottolineato il vicesindaco Patrizia Turelli -. A partire dal concorso canoro di sabato sera, dall’alternanza tra master e junior chef, con la partecipazione, domenica alle ore 16, di Matilde, la dodicenne finaliste di MasterChef Junior. Anche la zona food è stata ripensata, per essere più sfiziosa e veloce. E, tra le novità di quest’anno, c’è anche il panino “griffato“ Franciacorta in bianco».

Grande spazio anche alla cucina d’autore: la giornata giusta, in questo caso, è sabato, quando sul tema si confronteranno il critico enogastronomico Paolo Massobrio e Sergio Barzetti, maestro in cucina de La Prova del Cuoco. La parte più «dolce» verrà affidata a Le Torte di Giada, che proporranno la nuova ed insolita cheesecake alle fragole e basilico.

Il taglio del nastro di «Franciacorta in bianco» è in programma venerdì alle ore 20, preceduto alle 18.30 dal convegno a cura di Coldiretti «Giovani, latte e non solo». Sabato gli spazi espositivi resteranno aperti dalle 9 alle 23, domenica dalle 9 alle 20. Il biglietto d’ingresso costa 3 euro, ridotto 2 e gratuito per i minori di 12 anni.