CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.07.2018

Battaglie di campanile Il Palio dà spettacolo

Una immagine di repertorio del Palio di Borno
Una immagine di repertorio del Palio di Borno

«Illustrissima cittadinanza dello libero comune di Borno et abitanti delli comuni de Bienno, Breno, Cividate, Lozio, Malegno, Niardo, Ossimo et Prestine»: inizia così l’invito della confraternita del cervo alla 14esima edizione del Palio di San Martino e al parallelo «Palio delli borghi armati». Si terranno entrambi a Borno tra oggi e domenica, dando vita a tre giorni di festa in cui Borno, abitanti compresi, si trasformerà in un piccolo borgo medievale tra giochi di un tempo, musici, armigeri e figuranti vari. CRESCIUTO a dismisura negli anni scorsi, il palio è diventato appuntamento irrinunciabile per i contradaioli, per i Comuni vicini e per i tanti curiosi che nel tempo si sono appassionati ai giochi e all’atmosfera. Il taglio del nastro avverrà oggi con la partenza del corteo che raccoglierà tutte le contrade fino in piazza, dove dopo la benedizione dei vessilli da parte del cardinale Giovanni Battista Re, la presentazione dei giochi e la «punzonatura» delle attrezzature, la manifestazione entrerà nel vivo con le prime due sfide: «la battagliola» e «l’assedio». Domani e domenica full immersion tra piazza Giovanni Paolo II e il parco basso di villa Guidetti, che tornerà ad essere campo da gioco. I contradaioli, tutti vestiti con le tuniche a rappresentare la propria contrada, si daranno battaglia tra corsa dell’ubriaco, del formaggio (anche in versione serale) e degli zoccoli, lancio del grop e del rascol, palla corda, tira la coda al gatto, tir del borel (anche sabato sera) e trabucco. In contemporanea anche i borghi giocheranno la loro sfida regalando al paese un’atmosfera unica e sempre nuova. A fare da contorno il banchetto di sabato sera in piazza, e i percorsi storici guidati da Francesco Inversini (domani dalle 15 alle 16.30, domenica dalle 10.30 alle 12). La sfida per tutti sarà rubare il palio alla contrada di Paline, che lo aveva conquistato lo scorso anno. Tanti i turisti e i curiosi attesi, tanto che anche quest’anno si è pensato ad allestire tribune e parcheggi dedicati alla manifestazione che è diventata di richiamo per tutta la provincia. E che ha il sostegno di Comune, Comunità montana, Pro loco e municipi coinvolti nel «Palio delli borghi armati». •

C.VEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1