CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.06.2018

Borno, debutto «social» per la giunta Rivadossi

Il sindaco Matteo Rivadossi con la sua nuova squadra di governo
Il sindaco Matteo Rivadossi con la sua nuova squadra di governo

La sala piena e l’emozione evidente (e giustificata) del nuovo sindaco Matteo Rivadossi, hanno segnato l’inizio del nuovo corso amministrativo di Borno. Il primo consiglio comunale, giuramento compreso, è durato una cinquantina di minuti, e si è concluso con il voto favorevole delle minoranze agli indirizzi programmatici esposti dal primo cittadino. «Sarò il sindaco di tutti», ha ribadito Rivadossi in aula chiedendo ai tre rappresentanti di «Per il bene di Borno» e «Noi Borno» di «mettere da parte i veleni: ora è il momento di lavorare». Capitolo deleghe e giunta. A Betty Cominotti è andato l’incarico di vicesindaco, ma si occuperà anche di turismo e agricoltura; a Giorgio Buzzi gli assessorati a commercio, attività produttive e progetti speciali, Luca Re sarà il consigliere delegato ai lavori pubblici e allo sport, Luca Dalla Palma a cultura e istruzione, Leone Galbardi al sociale, Eleonora Bonizzoni a infanzia e famiglia, Andrea Miorotti alle politiche giovanili. «SENTIAMO forte il senso di responsabilità - ha detto il sindaco, che ha inaugurato l’era social parlando anche in diretta streaming su Facebook - Faremo di tutto per il bene del nostro paese». Poi le linee guida del programma: «Le cose da fare sono tante, per questo è necessaria una programmazione nei minimi dettagli». Si parte dal turismo «motore economico di questo territorio», ma poi si spazia a 360 gradi: «Amministrare non vuol dire chiudersi negli uffici, ma coinvolgere, ascoltare e rispondere ai bisogni. Vogliamo amministrare con umiltà e buon senso». Perché ottenere grandi risultati «vuol dire lavorare tutti insieme. Il cambiamento parte dall’attenzione e dalla partecipazione di tutti». LE MINORANZE non si sono tirate indietro, e dopo aver votato a favore degli indirizzi programmatici hanno preso la parola. L’ex sindaco Vera Magnolini, uscita sconfitta dalle urne, si è congratulata con la sua squadra, che «resterà unità perché diventeremo un’associazione», e con il gruppo di «SiAmo Borno». «Vigileremo sull’operato della giunta, nella speranza che non si dimentichi quanto fatto finora». Così Romain Zaleski, il più preferenziato alle urne, che ha ringraziato «gli elettori che mi hanno portato su questa sedia, la campagna elettorale è stata un’esperienza appassionante». Infine Giuseppe Venturelli, che in consiglio rappresenta «Noi Borno» e che ha augurato buon lavoro al neo sindaco, garantendo un attento «controllo sull’operato per il bene del paese». © RIPRODUZIONE RISERVATA

C.VEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1