CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.01.2018

Imposte, i commercianti in trincea

Da una parte c’è il Comune di Borno, che dal 2017 gestisce direttamente il servizio di accertamento e riscossione dell’imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni avvalendosi del supporto della società Ip Servizi di San Pellegrino Terme, dall’altra i commercianti, che proprio grazie a questo cambio si sono trovati a pagare molto di più di quello a cui erano abituati. Non è un errore: la cifra è il pagamento dovuto per legge più la multa. Perché la Ip Servizi ha scoperto tanti non in regola, titolari di insegne più grandi di quanto pagato, mezzi di trasporto logati ma non denunciati e vetrine non conformi. Insomma: il caos condito da polemiche. Il municipio ha prorogato al 30 aprile il termine per il versamento dell’imposta e convocato, con l’Associazione sviluppo economico Borno, un’assemblea in cartellone stasera alle 20.30 nella sala congressi; il sindaco è chiamato a chiarire il salasso e a spiegare l’iter che ha portato all’incarico. Finora l’ente locale non ha fatto altro che prendere atto delle relazioni ed emettere le relative fatture, e ora attende di incassare tra i 12 e i 13mila euro da una settantina di esercenti. • C.VEN.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1