CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

02.01.2018

L’Altopiano festeggia la neve e il «ritorno» dello scialpinismo

Il tracciato scialpinistico appena aperto a Borno grazie ai volontari
Il tracciato scialpinistico appena aperto a Borno grazie ai volontari

Claudia Venturelli In questi giorni Borno non segnala solo record di presenze in pista, ma anche grandi novità fuori pista. La ski area locale è infatti sempre più interessante per gli scialpinisti, e per la stagione appena iniziata ci sono due proposte fresche fresche, come la neve appena scesa a imbiancare paese e montagne. LA PRIMA è una novità assoluta e segue l’entusiasmo (giovanile) che ha investito la storica società che gestisce gli impianti di risalita: «Un gruppo di amici appassionato di skialp - spiega Demis Zendra, amministratore delegato - ha raccolto l’invito a creare un percorso dedicato agli amanti delle pelli di foca fuori dalle piste, che per rigide norme è vietato, e pericoloso, risalire. Un bel segnale per il nostro comprensorio». In sintesi è stato recuperato il vecchio e storico tracciato dello skilift dismesso Play-Altissimo: «I percorsi tracciati sono due - ricorda Daniele Gheza, uno dei volontari che hanno lavorato al progetto -; uno che sale dritto e sfrutta tutto il dislivello, molto impegnativo e dedicato soprattutto agli atleti; l’altro più soft e adatto a tutti. Questo consente sia a chi vuole allenarsi, sia a chi vuole farsi una passeggiata con gli sci di muoversi in sicurezza salendo a fianco delle piste da cui poi si può scendere». Ci hanno messo tempo e impegno, e «ne è uscito un bel lavoro - fa eco un altro volontario, Jgor Gheza -, ed è un percorso alternativo a quello più lungo e fuori dal comprensorio che sale dalla Val Sorda per l’Altissimo». «È bello vedere che l’entusiasmo sta contagiando tutti - aggiunge Zendra - e noi abbiamo bisogno di queste cose per crescere ancora». Una crescita che si sta costruendo anche con altre promozioni scialpinistiche. Dopo la positiva esperienza degli ultimi due anni raddoppiano, sempre per i fans delle pelli di foca, anche le serate in cui è possibile risalire le piste una volta chiusa la giornata degli sciatori normali: «Il lunedì e il giovedì sera consentiamo la risalita in sicurezza - continua Zendra -. Come? Ritardiamo i lavori di battitura così da consentire agli appassionati di raggiungere il monte Altissimo dove, nelle stesse serate, resterà aperto anche il nuovo rifugio». Così anche i più pigri non avranno più scuse e gli atleti avranno modo di allenarsi, giorno e sera, per la gara che anche quest’anno farà tappa a Borno: «Il 24 gennaio torna il circuito “Sci e luci nella notte” - chiude Gheza -, con partenza in linea dai campetti per un dislivello positivo di 700 metri». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1