CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.08.2017

La festa del podismo
fa un salto di qualità

Torna la San Fermo Trail
Torna la San Fermo Trail

Sport agonistico e amatoriale, divertimento e amore per la montagna si fonderanno nuovamente nei prossimi giorni a Borno. Succederà nel fine settimana del 19 e 20 agosto; quello della ormai affermatissima «San Fermo trail», la gara di corsa in montagna che quest’anno rientra nel prestigioso circuito «La Sportiva mountain running cup».

Non sarà solo una competizione tra gli atleti che si misureranno sui ventitrè chilometri di percorso, ma un momento in cui Borno cambierà volto, perchè la piazza diventerà il cuore della manifestazione, alla quinta edizione, e le montagne che incorniciano il paese si riempiranno di amanti dell’escursionismo in quota.

SI INIZIA sabato con la quarta edizione della «Family run», una passeggiata adatta a tutti: «È un modo per promuovere la montagna, insegnare ai bambini ad amarla e far conoscere il nostro bellissimo territorio - spiegano dall’associazione Evolution team che organizza l’evento -. Partenza e arrivo in piazza, nel mezzo il giro al lago di Lova, poi per tutti Nutella party e musica».

Un prologo del spettacolo del giorno successivo, la quinta edizione della San Fermo trail. «Siamo orgogliosi di proporla nel calendario de La Sportiva mountain runnin cup - aggiungono gli organizzatori -. Dopo lo scorso anno, quando la nostra gara ha assegnato i titoli italiani di trail corto, questo è un altro bel risultato». Partenza in piazza, arrivo a San Fermo, passaggio in quota attraverso il sentiero che collega al rifugio Laeng, poi discesa a Mignone e risalita al Dosso della Regina dove la gara sconfina a Ossimo, quindi rientro al lago di Lova e lunga discesa verso il paese.

«Sarà una vera festa per il paese e tutti gli anni la gente è lì a dimostrarcelo». E quest’anno l’invito al tifo si fa ancora più grande grazie ai gadget per coloro che per primi arriveranno a cima Moren, al dosso della Regina e nei punti di passaggio dei runners.

«Siamo in attesa di conoscere i nomi dei top runner che ospiteremo; intanto - continua l’organizzazione - abbiamo tanti iscritti che ci hanno confermato il loro apprezzamento per il nostro sforzo». Dietro la riuscita della manifestazione c’è un’associazione costola del Cai che è composta da un gruppo di amici con in comune una grande passione. E alle spalle una macchina di un centinaio di volontari che rendono possibili due giorni davvero impegnativi: «Li ringraziamo fin da ora perché sappiamo che senza di loro tutto questo non sarebbe possibile».C.VEN.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1