CHIUDI
CHIUDI

29.12.2018

San Silvestro, musica e brindisi ma in una piazza «blindata»

Una immagine di repertorio della festa in piazza di Borno
Una immagine di repertorio della festa in piazza di Borno

Sarà un altra notte di San Silvestro spettacolare ma anche sorvegliata ad andare in scena a Borno. Sempre nella cornice di piazza Giovanni Paolo II e sempre senza eccessi: per centrare l’obiettivo, Comune, Pro loco e forze dell’ordine sono al lavoro da settimane. Il sindaco Matteo Rivadossi ha firmato un’ordinanza che mette paletti al divertimento di giovani e meno giovani che aspetteranno qui l’anno nuovo: i partecipanti e i gestori del chiosco bar e delle altre attività del paese non potranno utilizzare contenitori di vetro per distribuire e consumare bevande, così come è vietato l’uso di petardi e fuochi d’artificio in piazza e nelle zone vicine. I controlli saranno severi: saranno presenti dieci agenti tra polizia locale dell’Unione Antichi borghi e carabinieri e diciotto body guard, e naturalmente le telecamere dall’alto faranno il loro lavoro. Infine si potrà avere accesso alla piazza da quattro accessi controllati. «C’è stata massima collaborazione con la Pro loco che ha organizzato l’evento - ricorda il sindaco - e con le forze dell’ordine che la sera del 31 dicembre garantiranno la sicurezza». Le follie degli anni scorsi, che avevano causato anche gravi danni al patrimonio pubblico, e le disposizioni anti terrorismo hanno costretto l’amministrazione a riservare particolare attenzione a questa festa solitamente affollata. PER LA PRIMA volta direttamente in piazza funzionerà un chiosco bar gestito da alcuni commercianti del paese che hanno partecipato e vinto il bando: «Lo abbiamo voluto - spiega il primo cittadino - per garantire il divertimento di chi sceglie la nostra piazza per accogliere l’anno nuovo, ma dovrà rispettare regole rigidissime proprio per prevenire spiacevoli episodi e incidenti già visti». No quindi alle bottiglie e ai bicchieri di vetro - si legge nell’ordinanza - che saranno vietate anche in ingresso ai varchi controllati, e no a petardi e fuochi d’artificio nel perimetro della piazza e nelle zone circostanti. «Non vogliamo dare l’idea di una piazza blindata, l’invito è al divertimento, ma consapevole». Per questo i locali potranno servire alcolici solo fino alle 3 di notte e solo ai ragazzi che dimostreranno di essere maggiorenni. «Vogliamo che sia una festa - chiude il sindaco - e non dover contare i danni il giorno dopo». In piazza suoneranno i dj reclutati dalla Pro loco, ci sarà posto per ballare, cantare e divertirsi, ma si potrà accedere (e uscire) solo dai quattro varchi. •

Claudia Venturelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1