Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 11 dicembre 2017

Biografie di guerra:
i ragazzi raccontano
le storie dei caduti

(BATCH)

Sette anni fa la storica e ricercatrice brenese Raffaella Garlandi scrisse il libro «Altrimenti sono Flinco - Storia di Tunì dalla campagna di Russia alla Resistenza», raccontando la vicenda dello zio Antonio Salvetti assassinato dai fascisti il 13 ottobre 1944. Poi è arrivato il tempo di altri approfondimenti, e l’autrice presenterà questa sera alle 20,30, nel Palazzo della Cultura di Breno, «Nel monumento la nostra storia», una ricerca svolta dai ragazzi della classe terza B della scuola media dell’Istituto comprensivo Franco Tonolini.

Nell’anno scolastico appena concluso i ragazzi hanno studiato i nomi dei soldati brenesi caduti nel primo conflitto mondiale incisi sul monumento di piazza Vittoria, e di ognuno di loro, proprio con la collaborazione di Raffaella Garlandi, è stato tracciato il profilo. Si è trattato di un viaggio nella memoria: «Partendo dalla visita al monumento ai caduti - ricorda l’autrice - hanno riscoperto il volto più umano e vero della Grande guerra e hanno poi realizzato il libro». L.RAN.