Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 20 settembre 2018

Biografie di guerra:
i ragazzi raccontano
le storie dei caduti

(BATCH)

Sette anni fa la storica e ricercatrice brenese Raffaella Garlandi scrisse il libro «Altrimenti sono Flinco - Storia di Tunì dalla campagna di Russia alla Resistenza», raccontando la vicenda dello zio Antonio Salvetti assassinato dai fascisti il 13 ottobre 1944. Poi è arrivato il tempo di altri approfondimenti, e l’autrice presenterà questa sera alle 20,30, nel Palazzo della Cultura di Breno, «Nel monumento la nostra storia», una ricerca svolta dai ragazzi della classe terza B della scuola media dell’Istituto comprensivo Franco Tonolini.

Nell’anno scolastico appena concluso i ragazzi hanno studiato i nomi dei soldati brenesi caduti nel primo conflitto mondiale incisi sul monumento di piazza Vittoria, e di ognuno di loro, proprio con la collaborazione di Raffaella Garlandi, è stato tracciato il profilo. Si è trattato di un viaggio nella memoria: «Partendo dalla visita al monumento ai caduti - ricorda l’autrice - hanno riscoperto il volto più umano e vero della Grande guerra e hanno poi realizzato il libro». L.RAN.