CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

30.06.2018

Croce rossa derubata Amarezza e domande

L’interno della sede della Croce rossa di Breno
L’interno della sede della Croce rossa di Breno

L’amarezza dei derubati si mescola alla curiosità per la dinamica a dir poco strana del furto messo a segno nella sede della Croce rossa di Breno. Chi ha rubato i duemila euro custoditi nei locali non ha infatti lasciato segni di scasso su porte o finestre. L’incursione nello spazio di questa realtà umanitaria, che fa capo al Comitato Cri di Palazzolo, è stata scoperta ieri mattina dal delegato tecnico Sandro Vielmi appena rientrato dalle ferie: il denaro era stato prelevato da una piccola cassaforte nascosta dietro a un quadro, aperta utilizzando la chiave prelevata dall’armadio presente nella stessa stanza dopo averne scassinato il lucchetto. MA CHI È entrato senza forzare la porta in un locale accessibile con una normale chiave o con un codice d’accesso in possesso solo di una buona parte dei volontari del gruppo brenese? Sperando di rispondere alla domanda resta lo sconforto: i soldi rubati rappresentavano parte dell’incasso derivante dalla vendita dei biglietti della lotteria lanciata per finanziare l’acquisto di una nuova ambulanza. Il prossimo 11 agosto, durante il Ferragosto brenese, Vielmi presenterà comunque il nuovo mezzo operativo, che si affiancherà all’attuale, al Land Rover Defender e al Fiat Scudo per il trasporto dei disabili, e che verrà acquistato proprio grazie alla lotteria e alle donazioni di privati. La fortuna (o la distrazione dei ladri) ha permesso invece di «salvare» altri 300 euro contenuti in una busta in plastica lasciata sul tavolo della sede: nessuno l’ha vista. Il delegato non è in grado di risalire al giorno del furto ma ne ricostruisce la dinamica: dopo aver aperto con la chiave o con il codice la porta, il malvivente ha forzato un armadio nella prima stanza adiacente l’ufficio alla ricerca delle chiavi della cassaforte. Poi passato in quella accanto trovando in un secondo armadio (a sua volta forzato) quello che cercava. •

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1