CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.06.2017

Gestione del castello di Breno:
tre ragazzi accettano la sfida

Un’emozionante   immagine aerea del castello di Breno
Un’emozionante immagine aerea del castello di Breno

Dopo la lunga gestione di Simona Toretti e quella troppo breve (solo un anno e mezzo) della cooperativa Il Leggio, che aveva anche investito nelle attrezzature impegnando nell’operazione più di 50 mila euro, tocca a tre giovani determinati - Andrea Vielmi, Fabio Botticchio e Daniele Cinquepalmi - tentare di risollevare le sorti del castello di Breno; almeno fino al prossimo settembre. Se la loro gestione risulterà positiva la potrebbero ampliare anche al periodo invernale, dal venerdì alla domenica, ma solo su prenotazione.

LA NOVITÀ è arrivata dopo il bando di assegnazione andato deserto lo scorso marzo: incassato il flop, il presidente della Pro loco Emanuele Ongaro (l’associazione ha in carico la rocca per conto del Comune) ha accolto con favore la proposta dei tre amici (Cinquepalmi è anche il vice di Ongaro) e quest’oggi alle 19 il «Restaurant Castello lounge bar» riaprirà con una festa di benvenuto: free drink, buffet e musica con il dj set di Andrea David. La rescissione del contratto avvenuta verso la fine dello scorso anno da parte di Guido Mensi, consigliere delegato de «Il Leggio» aveva procurato qualche difficoltà alla Pro loco, mentre alcuni professionisti interessati a subentrare avevano lamentato la brevità nella durata prevista della gestione, limitata al solo periodo estivo. Adesso l’associazione di promozione turistica, insieme all’amministrazione comunale, ha acquisito la cucina dal precedente gestore e il trio Cinquepalmi-Botticchio-Vielmi sta mettendo impegno e qualche idea, innovativa e retrò, per riportare la gente, le famiglie in particolare, nei cortili della rocca. Magari tornando a una cucina più semplice, curata comunque da uno chef, e a prezzi modici, fatta di grigliate e dei «sempreverdi» strinù e casoncelli col contorno di buona musica dal vivo.

Davide, Andrea e Fabio ci stanno provando nell’attesa che il prossimo anno entri magari in funzione l’ascensore per la fortezza, uno dei progetti prioritari del sindaco Sandro Farisoglio, che potrebbe rendere molto più semplice l’accesso alla rocca per tutti.

Inaugurazione odierna a parte, da lunedì il bar funzionerà ogni giorno dalle 15 alle 22 e e il servizio si amplierà con l’apertura del ristorante dal giovedì alla domenica dalle 19 alle 23, mentre in luglio e agosto gli orari saranno ampliati (per le prenotazioni c’è il 333 4505194). Anche con questa gestione i visitatori avranno la possibilità di salire sulla Torre Canevali (versando 2 euro), da dove lo sguardo può spaziare sulla media Valcamonica.

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1