CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.01.2018

Grandi opere, parola ai cittadini

Il futuro aspetto di piazza Mercato immaginato dalla maggioranza
Il futuro aspetto di piazza Mercato immaginato dalla maggioranza

C’è una nuova puntata della polemica che coinvolge la politica e i cittadini di Breno attorno alle grandi opere dell’amministrazione comunale in carica. Giovedì sera il Meet up Valle Camonica-Alto Sebino del Movimento 5 Stelle deciderà se promuovere o meno un referendum sui progetti, e in particolare sull’autosilo sotterraneo e la riqualificazione di piazza Ronchi, che il sindaco Sandro Farisoglio vuole realizzare a partire da quest’anno. Per le 21 di dopodomani, l’auditorium Mazzoli ospiterà l’assemblea convocata dall’architetto Sandro Simoncini, uno dei più autorevoli esponenti del Movimento, per parlare diffusamente degli interventi che il sindaco avvierà prima della conclusione del proprio mandato (nella primavera del 2019): piscina, ascensore per il castello, appunto il parcheggio sotterraneo e il rifacimento di piazza Ronchi e la trasformazione di una vasta area a Nord del paese (in via Leonardo da Vinci e nella località Onera) in un distretto a forte vocazione commerciale. Si parlerà molto di commercio, di «un paese che evidenzia una profonda crisi in questo settore nel centro storico e una fuga dei servizi», e anche delle proprietà comunali che secondo i 5 Stelle «richiedono interventi urgenti di ammodernamento e di manutenzione». E ancora si discuterà proprio del dilagare a Breno della grande distribuzione, della deriva del centro, del consumo del suolo e della gestione dei fondi pubblici. Per l’indizione di un referendum consultivo occorrono 500 firme, mentre pochi mesi fa, per salvaguardare piazza Mercato dalle ruspe si era dato vita a una raccolta di sottoscrizioni poi consegnate senza alcun esito. • L.RAN.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1