CHIUDI
CHIUDI

08.12.2018

L’Immacolata porta in dote la nuova festa per il «Bré»

Da queste parti è diventato il rito dell’Immacolata, capace di richiamare nella chiesa gotica una folla di curiosi e di cultori del formaggio di nicchia. Oggi alle 17, nel tempio brenese di Sant’Antonio il presidente dell’associazione per il formaggio Bré, Franco Moscardi, e il sindaco Sandro Farisoglio «battezzeranno» con il taglio e la degustazione la prima forma dell’estate 2017 stagionata per 18 mesi nell’ex rifugio antiaereo. Il nostrano che si produce negli alpeggi comunali, quasi un millesimato caseario, è giudicato dagli esperti di grande qualità, e oggi sarà possibile acquistarlo direttamente sul posto, oltre che da tre concessionari esclusivi. Dopo la cerimonia inizierà la degustazione curata da Andrea Domenighini dell’omonimo bistrot, accompagnata dai vini della società cooperativa Rocche dei Vignali di Losine. Prima però, dalle 14 alle 16 sarà aperto alle visite l’ex rifugio antiaereo, in una parte del quale viene appunto stagionato il Bré. Proprio la struttura ricavata sotto il castello durante la Seconda guerra mondiale, e che estende per oltre cento metri, potrebbe essere destinato a spazio espositivo e ad accogliere incontri culturali. •

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1