CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.02.2017

Ladri in fuga e spari:
alta tensione a Pisogne

I carabinieri e la Polizia locale hanno sventato un furto a Pisogne
I carabinieri e la Polizia locale hanno sventato un furto a Pisogne

Ladri in fuga e spari nel buio. Nel tardo pomeriggio di ieri si sono vissuti momenti ad altissima tensione a Pisogne. Il tempestivo intervento di carabinieri e Polizia locale ha sventato il furto in una villetta ma nelle concitate fasi dell’inseguimento dell’automobile della banda, sono stati esplosi almeno due colpi di pistola. Ancora da chiarire - sulla circostanza i carabinieri mantengono il più stretto riserbo -, se come appare plausibile i colpi siano partiti a scopo intimidatorio dalle pistole delle forze dell’ordine o se a premere il grilletto siano stati i ladri in fuga.

Di certo tutto è accaduto attorno alle 18,30 nel quartiere Minime, in via Mazzini, vicino al centro commerciale Italmark. Da una Classe A d Mercedes sono scesi quattro individui che hanno scavalcato la recinzione di una delle villette a schiera e dopo aver scassinato la porta hanno fatto irruzione. In quel momento gli inquilini, una coppia di coniugi, non era in casa. Mentre arraffavano alla rinfusa qualche oggetto di valore, qualcuno ha lanciato l’allarme e dalla vicina caserma di Pisogne è arrivata una pattuglia a sirene spiegate. La banda ha abbandonato la refurtiva ed è scappata. L’automobile di servizio dei carabinieri e la monovolume dei ladri si sono incrociate ed è a quel punto che sarebbero stati esplosi i colpi di pistola. La banda però è riuscita a dileguarsi nel buio. Agenti della Polizia locale e carabinieri hanno raccolto le testimonianze dei residenti.

IL QUARTIERE era già finito in passato nel mirino dei ladri specializzati in furti in abitazione. E mentre le indagini proseguono per risalire ai responsabili della razzia, il sindaco Diego Invernici ha voluto rigranziare personalmente e pubblicamente «le forze dell’ordine che hanno saputo sventare una situazione di pericolo per la cittadinanza».

Alessandro Romele
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok