CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

30.11.2016

Parcheggi, piazza mercato torna nel mirino

Breno, l’aspetto attuale di piazza Mercato
Breno, l’aspetto attuale di piazza Mercato

Nei prossimi giorni Sandro Farisoglio presenterà il bilancio di metà mandato della sua amministrazione, e nel frattempo il Comune di Breno ha incassato altri tre milioni di euro provenienti dai fondi Ex Odi con i quali potrà realizzare la piscina (per due milioni e 900 mila euro) e adeguare l’ex rifugio antiaereo adibendolo a locale di stagionatura e conservazione del formaggio Brè (con 100 mila).

NEI DUE ANNI e mezzo che mancano al termine della sua seconda tornata, oltre all’operazione impianto natatorio il primo cittadino si troverà a gestire fra le grandi opere il non semplice avvio del restaurato cinema teatro Giardino e la realizzazione dell’ascensore in castello, ma in agenda c’è anche dell’altro; un progetto che sicuramente farà discutere.

È di pochissimi giorni fa, firmata da Dario Giacomelli, responsabile del settore Tecnico del Comune, la determinazione per l’apertura della gara per lo studio di fattibilità riguardante il rifacimento dell’intera piazza Ronchi, per tutti piazza Mercato, e la realizzazione di un parcheggio sotterraneo, da finanziare sempre con il fondo per i comuni confinanti.

Si torna così a parlare di un’idea che ha decenni di vita. L’ipotesi di ricavare posti auto interrati nella grande piazza brenese non è infatti nuova, tanto che nel 1995, sindaco Eugenio Fontana, si arrivò a un passo da una deliberazione consiliare positiva che avrebbe determinato la costruzione di box: c’era il progetto (del costo di circa un miliardo di lire), e diversi cittadini interessati all’acquisto di un posto auto decisero di aderire all’indispensabile fidejussione bancaria a garanzia dell’operazione.

ATTUALMENTE piazza Mercato è regolamentata negli spazi riservati ai parcheggi a pagamento, ma allora la situazione era caotica e il tormentone sì o no allo scavo andò avanti per diversi mesi. La decisione spettò evidentemente al consiglio comunale e non passò per un solo voto, quello dell’allora consigliere Edoardo Mensi. Poi l’area venne decisamente abbellita e resa quello che è attualmente, una delle più gradevoli della Valcamonica con il Castello che le fa da corona. Adesso Farisoglio ci riprova con lo studio di fattibilità e poi si vedrà, anche se i precedenti non sembrano propriamente incoraggianti; per non dire dei prevedibilissimi disagi per i commercianti che operano affacciandosi su questo spazio.

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok