CHIUDI
CHIUDI

29.12.2018

Piazza, ascensore e caserme: il 2019 sarà l’anno dei cantieri

Lavori in corso nella piazza Mercato di Breno
Lavori in corso nella piazza Mercato di Breno

C’erano molti consiglieri di maggioranza ad affiancare il sindaco Sandro Farisoglio nell’incontro con la stampa dedicato al punto sulle opere pubbliche che saranno realizzate nel prossimo anno e oltre. Tra queste non ci sarà la piscina (un’opera da 3 milioni e 700 mila euro), che sarà appaltata sì nel 2019, dopo l’approvazione del progetto definitivo, ma che comporterà tempi non propriamente brevi. Sono invece (quasi) certe le scadenze per la nuova piazza Mercato e per l’ascensore del castello: la prima opera (da 1 milione e 200 mila euro) sconta il recente ritrovamento dello scheletro risalente forse dell’età del Ferro, e comunque il cantiere subirà un rallentamento e non un fermo. «Faremo in modo di alleviare ulteriormente i disagi di chi svolge la propria attività nella piazza - per i commercianti ci sono agevolazioni sull’affitto - e comunque i lavori proseguono», ha spiegato Farisoglio. Sulle pendici del castello i rocciatori hanno ripulito il versante da piante e massi a rischio, e ora toccherà al ministero approvare il progetto; poi nei prossimi mesi si potrà procedere con le operazioni di carpenteria per la realizzazione dell’ascensore. CI SONO poi altre due opere di rilevo: le caserme dei carabinieri e della guardia di finanza, per le quali nel prossimo anno sono previsti rispettivamente l’adeguamento per accogliere il nucleo femminile e la realizzazione nell’ex Tribunale della nuova sede della Compagnia unica di valle, con la presenza di una quarantina di agenti. «Si tratta di due grosse opportunità - ha affermato Farisoglio - che riaffermeranno Breno come centro dei servizi della valle e rafforzeranno la sicurezza». Il sindaco ha poi elencato altri interventi da attuare nel 2019: la tanto attesa rotatoria nella zona commerciale a Nord, all’ingresso della superstrada (in attesa del via dell’Anas) e la riqualificazione di alcune vie del paese (Moro, Italia, Prudenzini, XXVIII Aprile). Farisoglio ha pure ricordato che saranno rifatte le facciate dell’ex palazzo Eca, si continueranno a sostenere attraverso bandi mirati i commercianti di via Mazzini (la zona in cui il commercio è più in sofferenza, anche se sono state aperte tre nuove attività) e di via XXVIII Aprile (in totale i contributi assegnati e in erogazione ammontano a 180 mila euro, oltre a 58 mila per gli esercenti di piazza Ronchi). Infine, sarà realizzato un parcheggio a Mezzarro e arriveranno manutenzioni e asfaltature a Campogrande e Lavarini. •

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1