CHIUDI
CHIUDI

12.02.2019

Piscina, l’obiettivo si avvicina Il Comune ha rilevato il terreno

Il terreno su cui sorgerà la piscina di BrenoGli scavi aperti nella brenese piazza Mercato
Il terreno su cui sorgerà la piscina di BrenoGli scavi aperti nella brenese piazza Mercato

Prima di lasciare la fascia tricolore al suo successore (il nuovo sindaco di Breno sarà Alessandro Panteghini?), Sandro Farisoglio sta giocando su tre tavoli le sue ultime carte. Ha infatti già avviato due importanti opere come l’abbellimento (con parcheggio sotterraneo) di piazza Ronchi) e l’elevatore per il castello, nella fase esecutiva da oltre tre mesi, mentre per la piscina si dovrà attendere ancora qualche tempo. In quest’ultimo caso, però, c’è la novità rappresentata dall’acquisizione del terreno necessario. In quella che è giudicata une delle piazze più belle della Valcamonica si stanno alternando i lavori di scavo veri e propri con quelli archeologici, e questi ultimi, considerati i rinvenimenti avvenuti, stanno rallentando il cantiere, con la Sovrintendenza che ha in corso ancora ricerche, analisi e catalogazioni destinate a proseguire per un tempo indefinito. Per agevolare al massimo l’intervento degli archeologi, l’impresa che ha in appalto i lavori collabora pienamente, e una decina di giorni fa, durante la rimozione di materiale roccioso la pala meccanica ha creato una fessura nel muro di un edificio che si affaccia sulla piazza subito messo in sicurezza. A DUECENTO metri di distanza procedono i lavori per la realizzazione dell’elevatore, che come per la piazza si dovrebbero concludere in estate. Dopo le spettacolari operazioni di disgaggio e di pulitura da arbusti, piante e spuntoni di pietra sul versante della collina da parte dei rocciatori della Val di Scalve è ora la volta delle imprese che dovranno eseguire le opere edili e la posa dell’impianto. Non è mancata qualche difficoltà nell’esecuzione dei progetto, aggiornato in corsa dall’architetto Gianni Prandini. Intanto c’è il nome del nuovo gestore della rocca medievale, che dalla prossima primavera avrà il compito di occuparsi della ristorazione e della manutenzione: si tratta dello chef Marco Ducoli, che per quasi dieci anni è stato cuoco dell’osteria «Al Cantinì» di Borno. Elisabetta Ravelli del Ristodancing Le Fontanelle ha lasciato dopo una sola stagione, e ora tocca a un brenese doc tentare di dare finalmente continuità a una gestione che negli ultimi anni è stata sempre troppo estemporanea. Infine la piscina, per la realizzazione della quale il Comune ha acquisito recentemente (per poco meno di 40 mila euro) i 4.110 metri quadri necessari dall’Istituto per il sostentamento del clero, proprietario del terreno a ridosso del cimitero. In Comune ora attendono la presentazione del progetto definitivo dell’impianto natatorio, ma prima di procedere a scavi e costruzioni dovrà essere rimosso il gigantesco traliccio della linea elettrica che attraversa il terreno. •

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1