Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 20 novembre 2018

Archi e propulsori in gara Una vetrina preistorica tra agonismo e ricerca

Archi preistorici a Boario

Chi ha avuto la fortuna di fare magari più di una visita all’immenso patrimonio rappresentato dall’arte rupestre camuna ha sicuramente conservato nella mente l’immagine di qualche arciere inciso nel verrucano lombardo. Si tratta di testimonianze antichissime dell’uso venatorio e bellico di quest’arma, che certificano» il «diritto» della Valcamonica a celebrarla anche oggi. Succederà ancora una volta nel weekend di sport e ricerca organizzato nell’Archeopark di Boario Terme, dove sabato e domenica si vivrà nuovamente una delle tappe del campionato europeo di tiro con l’arco e lancio con il propulsore preistorico. L’organizzazione è della struttura ospitante, del direttore del museo elvetico di Coira, Christian Foppa, e dall’archeologo Ausilio Priuli con la collaborazione di Cristiano Brandolini, presidente dell’associazione storico-culturale e sportiva «Insubria antiqua». Sul campo a confrontarsi con splendidi monolitici di tasso o di giunco, corde in tendine e penne direzionali ancorate a mano i campioni della specialità provenienti da tutta Europa. NON SI TRATTA solo di una manifestazione sportiva, ma anche l’occasione di incontro per un nutrito gruppo di studiosi e ricercatori, archeologi, tecnici, cultori, appassionati e sperimentatori provenienti da ogni parte del mondo, che si confronteranno sulle tecniche arcieristiche utilizzate dai popoli preistorici europei, su propulsori e giavellotti e sulle modalità l’impiego. L'ambientazione non potrebbe essere migliore: il parco archeologico di Boario ogni anno accoglie migliaia di studenti e turisti che approfondiscono il passato accompagnati a ritroso nel tempo fino agli antichi camuni. L’evento mette a confronto le due realtà, quella sportiva e quella storica, con dimostrazioni di altissimo livello. Boario torna così a essere al centro della Preistoria: dopo l’arrivo degli atleti, sabato pomeriggio si svolgerà la prima competizione di tiro con l’arco arcaico. La domenica sarà invece dedicata all’impiego del propulsore mentre nel pomeriggio si svolgeranno le premiazioni e il concorso mondiale di tiro di precisione con il propulsore preistorico.