CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.11.2017

Finalmente al via il restauro
della preziosa edicola votiva

Le impalcature per il restauro
Le impalcature per il restauro

Attesi da tempo, sono iniziati in questi giorni i lavori di restauro conservativo della cappella dei morti di via Ortigara, a Darfo. Luogo simbolo della fede per la città, sull'edicola pesa soprattutto il fardello degli anni oltre alla prolungata incuria.

«L'intervento - si legge nella comunicazione diramata dal Comune - comprende le operazioni edili di sistemazione della zoccolatura sul prospetto di ingresso con intonaco a calce, il restauro del tetto attraverso la sostituzione dei legni d’orditura rotti della stessa sezione di quelli originali, il rifacimento delle tavole e il rifacimento delle lattonerie in lamiera preverniciata con le stesse sezioni dell’esistente».

NON VERRANNO ovviamente trascurati nemmeno gli affreschi, il Purgatorio e la crocifissione, che pagano l'esposizione alla luce e alle intemperie: «Verranno effettuate operazioni di consolidamento e pulitura, oltre a quelle di stuccatura e di reintegrazione». La cappella, che può essere datata ai secoli XVI e XVII, è parte del territorio, tanto che la tradizione orale fa risalire la sua costruzione ai tempi di Carlo Borromeo, nel bel mezzo di un’epidemia di peste.

Nell'opera di restauro occhio di riguardo sarà riservato a tutti gli ex-voto conservati dentro la struttura che negli anni sono diventati parte integrante della stessa.

I lavori riporteranno l'edicola al suo antico splendore, ma soprattutto consentiranno ai passanti, ai fedeli e agli appassionati di arte sacra di tornare ad ammirare il prezioso lavoro donato alla città di Darfo Boario.C.VEN.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1