CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.01.2018

Il turismo che verrà Boario apre la strada a un piano unitario

Ci si aspetta una massiccia partecipazione alla serata fissata in calendario per martedì 23 gennaio (alle 20,30) a Boario. Un evento aperto a tutti e promosso in queste ore dal Comune che servirà a presentare agli operatori economici della città il nascente Consorzio turistico di Darfo Boario Terme. L’appuntamento è nella sala blù del Centro congressi, e sarà un’occasione per illustrare al tessuto economico e turistico della capitale della Valcamonica le nuove opportunità «per diventare - scrive l’invito - protagonisti dello sviluppo turistico del territorio». DOVREBBE essere il primo passo, perchè l’obiettivo successivo è quello di far sviluppare il nuovo organismo nella direzione della nascita di una realtà più grande: il «Consorzio per la promocommercializzazione turistica» della bassa Valcamonica, così come previsto da un bando a tema della Comunità montana. Un bando che chiama appunto a raccolta gli operatori del territorio alla creazione di un organismo più ampio. C’è tempo fino al 20 febbraio per presentare una proposta che nelle linee dovrà seguire la sperimentazione triennale della «Dmo Valle dei Segni» che finora ha portato a casa risultati quali la creazione di pacchetti e cataloghi tematici di settore e il posizionamento della Valcamonica sui mercati europei attraverso azioni commerciali in Italia e all’estero. «Questo intenso lavoro sul territorio - scrivono i promotori - ha seminato tante energie: sono quindi maturate le condizioni per facilitare l’avvio e lo sviluppo sul nostro territorio di una struttura organizzativa autonoma, in grado di aggregare alcuni rilevanti operatori turistici e continuare a perseguire la promocommercializzazione dell’offerta». Ed ecco l’invito che la Comunità montana rivolge agli operatori del settore proprio con un bando di servizi per avviare un consorzio turistico e realizzare tra il primo aprile e il 31 dicembre un piano operativo. Per questa operazione l’ente comprensoriale ha messo a disposizione 200 mila euro e si impegna a individuare altre risorse per il futuro. • C.VEN.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1