CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

31.10.2017

In casa una pistola e un lanciarazzi: arrestato

Le armi sequestrate dai militari
Le armi sequestrate dai militari

Controlli di routine, blitz mirati e interventi straordinari: sono stati giorni di impegno e presenza per i carabinieri di stanza in Valcamonica quelli appena trascorsi.

A DARFO BOARIO Terme i militari, nel corso di un servizio specifico, hanno arrestato un giovane di 22 anni, cittadino italiano residente a Breno e con precedenti, per detenzione di arma clandestina.

A seguito della perquisizione domiciliare, sono state rinvenute una pistola lanciarazzi dotata di tromboncino avvitabile, una pistola a tamburo calibro 38, sette proiettili a salve sempre calibro 38 e un grammo di marijuana. L’arresto del 22enne di Breno è già stato convalidato dall’autorità competente.

Sempre durante il fine settimana appena trascorso, i carabinieri del Nucleo Operativo e radiomobile e l’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Breno, nel corso di un servizio predisposto e svoltosi su tutto il territorio della Valcamonica, hanno denunciato a piede libero otto persone perché trovate alla guida in stato di ebbrezza.

Altre cinque sono state invece segnalate amministrativamente per lo stesso motivo. Il bilancio finale dei controlli parla di tredici patenti complessivamente ritirate, di 150 punti decurtati e di due autovetture sequestrate ai fini della confisca.

LE DENUNCE. Infine i carabinieri della stazione di Piancogno, intervenuti dopo una segnalazione con il supporto dei militari del Nucleo Operativo Radiomobile di Breno, hanno denunciato a piede libero per rissa sei giovani, tutti di età compresa tra i 18 e i 20 anni e tutti residenti nei comuni di Darfo Boario Terme e di Esine.

I sei ragazzi, per motivi che sono tuttora in corso accertamento e in evidente stato di ebbrezza, si sono resi responsabili di una zuffa all’interno del McDonald’s che si trova nel centro commerciale Adamello di Darfo Boario. Solo l’intervento dei militari ha riportato la situazione alla normalità.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1