CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.01.2018

Per il presidio sanitario un debutto da applausi

Il nuovo presidio di Darfo Boario
Il nuovo presidio di Darfo Boario

Un presidio sociosanitario territoriale che si prenderà cura delle persone con fragilità, patologie a bassa complessità e di quelle croniche. È nato a Darfo, zona ex ospedale, dova ha sede anche l'Asst di Vallecamonica, ed è il primo di una rete che coprirà tutto il territorio camuno in ossequio alle nuove direttive regionali post riforma sanitaria. «È LA RIFORMA che entra nel vivo - spiega il consigliere regionale Fabio Rolfi - una riforma che punta sulla rete costruita nei territori per alleggerire gli ospedali e farli tornare luoghi dove curare le malattie acute». Il presidio di Darfo «nasce dalla riconversione di una struttura precedente - sottolinea Raffaello Stradoni, direttore generale dell'Asst di Vallecamonica - Con la riforma sono spariti i distretti ma sono nati i presidi, che diventano il punto di incontro tra il cittadino e le nostre strutture di gestione per la presa in carico dei pazienti cronici». Pazienti che arrivano al front office su indicazione del medico di base. «Qui trovano servizi sanitari e sociosanitari, e grazie alla collaborazione con gli enti locali anche servizi per il sociale - aggiunge la dottoressa Maria Assunta de Berta, direttore socio sanitario dell'Asst - Ci sono per esempio il cardiologo, il dermatologo, il diabetologo, il fisioterapista, il ginecologo, ma anche tutta la parte riservata alla prevenzione, prevista anche per i pazienti cronici, sia per quel che riguarda gli stili di vita che le vaccinazioni». Inaugurato e aperto, ma ancora in fase di stabilizzazione con i sistemi informatici che hanno bisogno di tempo per essere efficienti, «è una sfida anche per noi, anche se le lettere ai pazienti cronici sono già partite e per qualcuno anche già arrivate a destinazione», conclude Stradoni. Entro l'estate il presidio di Darfo sarà affiancato da quelli negli ospedali di Esine e di Edolo, oltre che di Breno e Pisogne. C.VEN. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1