CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.09.2018

Tunnel e ciclabili, un autunno di cantieri

Il tratto darfense dell’Oglio che ospiterà la nuova ciclabileLavori in arrivo anche sulla strada per il lago Moro
Il tratto darfense dell’Oglio che ospiterà la nuova ciclabileLavori in arrivo anche sulla strada per il lago Moro

Sarà un autunno all’insegna dei cantieri quello di Darfo Boario Terme: una stagione segnata dal progetto di miglioramento della viabilità perseguito anche nel precedente mandato dalla giunta comunale «nel tentativo di migliorare la qualità della vita dei cittadini - sottolinea il sindaco Ezio Mondini - e di chi viene nella nostra città». Quello che si sta allestendo è una sorta di grande mosaico, «sono opere per Darfo, ma che interessano anche la Valcamonica». Sono prevalentemente grandi progetti, che si inseriscono in un maxi progetto di crescita. È il caso del completamento della ciclovia dell’Oglio, «seicento metri, dallo stadio al Cappellino - specifica l’assessore ai Lavori pubblici Giacomo Franzoni - che consentiranno di eliminare i pericoli degli attraversamenti stradali. Valorizziamo così il corridoio ecologico lungo il fiume con piccoli accorgimenti (aree verdi, panchine e cartellonistica) e aumentiamo la sicurezza con l’istallazione di telecamere». Dopo la pista i parcheggi; o meglio il parcheggio da venti posti auto in via don Bassi con annesso adeguamento delle due curve a gomito che insistono sull’area: «Un lavoro possibile grazie all’accordo con la parrocchia - continua l’assessore - stipulato ai tempi dei lavori in oratorio». L’obiettivo è doppio, un servizio ai genitori che devono raggiungere l’asilo e l’eliminazione delle auto in sosta lungo la stretta via Cimavilla. NELL’AUTUNNO dei cantieri vedrà la luce anche il sottopasso della ferrovia a Boario: «Un’opera strategica - aggiunge Franzoni -, in termini turistici, commerciali e per la viabilità interna. Non un tunnel angusto, ma un’opera che si inserirà armonicamente nella struttura architettonica e paesaggistica esistente». E che consentirà di proseguire il collegamento verso l’area del Centro congressi dove esistono 300 posti auto. «Così si metteranno in contatto la realtà storica di Boario e la stazione con il Centro congressi - sottolinea il vicesindaco Attilio Cristini - per una migliore fruizione della città e della ciclabile». Sostenibilità è un termine ricorrente per le opere in progetto, «tutti gli interventi, che sono tasselli di un grande puzzle, favoriscono l’utilizzo della bicicletta e chi va a piedi». Per ultimi, ma hanno la stessa importanza per la città, la manutenzione straordinaria della strada che porta al lago Moro con la sostituzione di alcuni guardrail, il rifacimento di un pezzo di muro e la sistemazione del manto stradale per circa 80 mila euro, la messa in quota di chiusini e il risanamento della pavimentazione lungo alcune vie tra il capoluogo e le frazioni per altri 90 mila euro. Investimenti che si sommano ai 165 mila euro previsti per il parcheggio di via don Bassi e ai 180 mila per la prosecuzione della ciclabile. «Impossibile pensare a questi lavori senza il contributo degli enti sovracomunali - precisa Franzoni -. Da soli non avremmo potuto fare nulla». «Sono progetti con valenza sovracomunale - aggiunge il presidente della Comunità montana Oliviero Valzelli-, e la centralità di Darfo e la sua ricettività ne fanno un’area strategica per tutta la valle». •

Claudia Venturelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1